Navigation

Bruxelles invita ad allentare le restrizioni di viaggio da e per il Regno Unito

Viaggio interrotto. Camion parcheggiati vicino al porto di Dover dopo la chiusura di quest'ultimo e dell'Eurotunnel. Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved

La Commissione europea ha raccomandato martedì agli Stati membri dell'UE di facilitare la ripresa del traffico con il Regno Unito per "i viaggi essenziali" e "evitare l'interruzione della catena di approvvigionamento".

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 dicembre 2020 - 20:51

La raccomandazione intende permettere a migliaia di cittadini dell'UE e del Regno Unito di rientrare a casa. La Francia si è adeguata nella serata di martedì, permettendo -da mezzanotte- ai residenti europei di rientrare da oltremanica, a patto di avere un tampone negativo. 

"I cittadini dell'Unione e britannici che tornano in patria o nel Paese di residenza, così come i cittadini di paesi terzi che godono del diritto di libera circolazione in seno all'UE dovrebbero essere esenti da ogni restrizione temporanea supplementare a condizione che si sottopongano a un test o a una quarantena", precisa la raccomandazione. L?obbligo di quarantena, inoltre, non dovrebbe toccare chi opera nel settore sanitario (un test di depistaggio prima della partenza sarebbe sufficiente) e chi opera nei trasporti (Bruxelles invita comunque a instaurare un sistema ci controlli con test antigenici).  

La maggior parte degli Stati membri dell'UE e la Svizzera hanno sospeso da lunedì tutti i collegamenti e gli spostamenti per mare, aria, ferrovia e strada con il Regno Unito dopo la notizia del diffondersi in questo Paese di una variante di coronavirus più contagiosa.

La Commissione europea ha emesso dunque la raccomandazione per permettere ad esempio ai camionisti bloccati nel Regno Unito dopo la chiusura del tunnel sotto la manica di rientrare.

Ma non è detto che i Paesi membri seguiranno le indicazioni di Bruxelles, ha spiegato una fonte diplomatica europea all'agenzia afp.

Contenuto esterno

Turisti britannici in Svizzera

Intanto anche in Svizzera, le restrizioni adottate nei confronti di cittadini del Regno Unito stanno provocando qualche grattacapo. Specialmente in Vallese dove si trovano molti turisti britannici per le vacanze invernali. Secondo quanto sancito dalla Confederazione, chiunque sia attivato in Svizzera dal Regno Unito dopo il 14 dicembre deve osservare una quarantena di 10 giorni.

Vediamo, nel prossimo servizio, la situazione alla stazione sciistica di Verbier.

Contenuto esterno


Contenuto esterno

tvsvizzera.it/Zz/afp con RSI (TG del 22.12.2020)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.