Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Veto italiano Il difficile vertice Ue sui migranti

Nulla è concordato, fino a quando tutto è concordato. Il premier italiano Giuseppe Conte prende in ostaggio le conclusioni del vertice europeo e minaccia il veto: o troviamo un accordo sulla responsabilità condivisa sugli sbarchi dei migranti, ed i 500 milioni di euro per il Fondo fiduciario per l'Africa, o l'Italia mantiene la riserva sull'intero documento.

vertice

Primo vertice per Giuseppe Conte. La questione dei migranti divide l'Europa

La mossa del premier fa saltare la conferenza stampa dei presidenti del Consiglio Donald Tusk, e della Commissione Jean-Claude Juncker, che a fine giornata avrebbero dovuto annunciare i primi risultati della riunione. 

L'Italia mostra così i muscoli in una partita in cui la cancelliera Angela Merkel può essere un avversario o diventare l'alleato. La fiche di scambio è la collaborazione sui movimenti secondari, che dai Paesi di primo ingresso risalgono verso il nord Europa. Una delle poste in gioco: la partecipazione a Schengen. Senza unità su solidarietà e responsabilità, il piano B della cancelliera è andare avanti con una coalizione di volonterosi. Chi non ci sta, sarà fuori dallo spazio Schengen.

Intanto Angela Merkel deve trovare una soluzione ai movimenti secondari dei migranti. Deve strappare un risultato, fosse anche solo alla testa di una "coalizione di volenterosi", come lei stessa rilancia, perché questa volta la tenuta del suo governo è a rischio. I suoi alleati nella partita sono il presidente francese e il premier spagnolo Pedro Sanchez, ma anche il greco Alexis Tsipras, che nelle ultime ore ha fatto una netta apertura.

I punti dell'Italia

Conte arriva a Bruxelles col piano in dieci punti già presentato al mini summit di domenica, e preme anche per ottenere garanzie sui soldi che mancano dal Fondo fiduciario per l'Africa, pena mantenere la riserva sul finanziamento della seconda tranche da tre miliardi sull'accordo Ue-Turchia, per i flussi sui Balcani occidentali. 

"Oggi capiremo se davvero l'Europa vuole gestire in maniera solidale il fenomeno migratorio. Compromessi al ribasso non li accetteremo", mette in guardia il premier. E avverte: "Se questa volta non dovessimo trovare disponibilità da parte degli altri Paesi europei, potremmo chiudere questo Consiglio senza approvare conclusioni condivise". Tanto che in serata si rifiuta di dare il suo ok sui vari capitoli finché tutta la partita non sarà conclusa.

Monito della Francia all'Italia

Anche Macron, che in Francia è morso ai fianchi da Marine Le Pen, e da settimane è in rotta di collisione col ministro dell'Interno Matteo Salvini, cerca un incontro con Conte ma i tempi sono troppo stretti e il faccia a faccia non si fa. Il capo dell'Eliseo avvisa: "L'alternativa è semplice. Vogliamo soluzioni nazionali o soluzioni europee di cooperazione? Io difendo soluzioni europee". E il socialista Sanchez invita l'Italia ad abbassare i toni: "I discorsi incendiari possono essere efficaci in termini elettorali, ma non lo sono come risposta a questi drammi".

Le riflessioni del nostro corrispondente da Bruxelles

Corrisp

Il corrispondente da Bruxelles

tvsvizzera.it/fra con RSI

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box