La televisione svizzera per l’Italia

“Servono più regole per Google, YouTube, Facebook e Twitter”

schermata smartphone con icone app facebook, twitter, youtube
Il Governo chiede più diritti per gli utilizzatori e le utilizzatrici delle piattaforme. Keystone / A2824/_franz-peter Tschauner

Il Governo svizzero ritiene che la popolazione debba beneficiare di più diritti nei confronti delle grandi piattaforme di comunicazione come Google, Facebook, YouTube e Twitter e poter esigere trasparenza. 

Il Consiglio federale ha incaricato mercoledì il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) di elaborare un progetto di regolamentazione delle grandi siti come Google, Facebook, YouTube e Twitter affinché gli utilizzatori e le utilizzatrici in Svizzera possano beneficiare di maggiori diritti nei loro confronti, senza per questo intaccare la libertà di espressione. 

Sempre più spesso la gente ricorre a queste piattaforme per informarsi e crearsi un’opinione, rileva l’Esecutivo in una nota, aggiungendo che influenzano quindi sempre più i dibattiti pubblici. Il Governo riconosce ugualmente che esse sono attualmente poco regolamentate e i criteri sulla base dei quali viene deciso chi vede quali contenuti non sono trasparenti. Oltretutto – prosegue il comunicato – l’utenza ha  una posizione debole nei confronti di queste grandi compagnie. L’esempio più evidente è quello che capita quando una di queste piattaforme blocca un account o cancella i contenuti pubblicati. Al momento gli utenti non possono difendersi – o comunque non abbastanza – da tali misure. 

Le norme che verranno elaborate dal DATEC dovrebbero essere applicate ai gestori (intermediari). Non è previsto che le autorità intervengano sui contenuti al di là di quanto possano fare nel mondo analogico. Le nuove disposizioni, dove serve, si dovranno basare sulla legge sui servizi digitali dell’Unione europea, sottolinea il Governo, che ha elencato alcuni punti che dovranno essere presenti nella nuova regolamentazione.  

Altri sviluppi
logo di twitter

Altri sviluppi

Big Tech: è la fine del “Too Big to Care”

Questo contenuto è stato pubblicato al L’Unione europea ha raggiunto un accordo politico per lottare contro le derive di odio e fake news veicolate dalle reti sociali.

Di più Big Tech: è la fine del “Too Big to Care”

Le grandi piattaforme dovrebbero per esempio designare un punto di contatto e un rappresentante legale in Svizzera. Gli e le utenti a cui vengono cancellati i contenuti o il cui conto viene bloccato dovrebbero inoltre poter richiedere direttamente al sito di  valutare il provvedimento adottato. Dovrebbe inoltre essere creata un’autorità di conciliazione svizzera indipendente, che andrebbe finanziata dalle piattaforme. Queste, a fini di trasparenza, dovrebbero contrassegnare le pubblicità come tali e, nel caso di pubblicità mirata a gruppi specifici, dovrebbero indicare i parametri utilizzati. In questo modo sarebbe possibile verificare chi riceve una determinata pubblicità e in base a quali criteri. 

L’utenza dovrebbe  infine poter notificare in modo semplice le incitazioni all’odio, le rappresentazioni di atti di cruda violenza o le minacce. Le piattaforme andrebbero incaricate di valutare le notifiche e informare gli utenti del risultato.  

L’avamprogetto di questa nuova regolamentazione dovrebbe essere pronto tra un anno. 

Attualità

Naufragio del 17 giugno 2023 al largo della Calabria.

Altri sviluppi

Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore

Questo contenuto è stato pubblicato al Le tragedie hanno causato la morte di almeno 16 persone. Un numero molto approssimativo perché - stando alle testimonianze - i dispersi sarebbero decine.

Di più Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore
soldati svizzeri

Altri sviluppi

Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo la Commissione delle finanze, anche quella della politica di sicurezza del Nazionale è a favore di un aumento di ulteriori 4 miliardi di franchi per il periodo 2025-2028.

Di più Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero
Siringhe

Altri sviluppi

Per vaccinarsi contro il coronavirus si dovrà pagare di tasca propria

Questo contenuto è stato pubblicato al Lo rende noto l'Ufficio federale della sanità pubblica precisando che a partire dal mese di luglio 2024, le assicurazioni malattia copriranno le spese solo alle persone a cui l'immunizzazione verrà raccomandata.

Di più Per vaccinarsi contro il coronavirus si dovrà pagare di tasca propria
Una filiale di Meletronics.

Altri sviluppi

Migros taglia 415 posti e vende Melectronics

Questo contenuto è stato pubblicato al Migros sopprime altri 415 posti di lavoro. I tagli fanno parte della ristrutturazione del Gruppo Migros annunciata a inizio di febbraio, che prevede la soppressione di quasi 1'500 impieghi su un organico complessivo di circa 100'000 dipendenti.

Di più Migros taglia 415 posti e vende Melectronics
Irène Jacob.

Altri sviluppi

L’attrice Irène Jacob sarà premiata al Festival di Locarno

Questo contenuto è stato pubblicato al Il premio le verrà consegnato venerdì 9 agosto in Piazza Grande quando verrà proiettato il film "Trois couleurs: Rouge" del regista polacco Krzysztof Kieślowski.

Di più L’attrice Irène Jacob sarà premiata al Festival di Locarno
Quattro ragazzi danno calci a un ragatto in terra.

Altri sviluppi

Aumenta il numero di minorenni condannati

Questo contenuto è stato pubblicato al Aumenta in Svizzera il numero di condanne a carico di minorenni. Nel 2023 ne sono state pronunciate 23'080, ossia l'11% in più rispetto all'anno precedente.

Di più Aumenta il numero di minorenni condannati
Laboratorio chimico.

Altri sviluppi

Svizzera competitiva grazie all’efficienza delle sue aziende

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera si colloca al secondo posto nella classifica dell'istituto IMD di Losanna sulla competitività mondiale 2024 grazie alla sua performance economica e all'efficienza delle sue aziende.

Di più Svizzera competitiva grazie all’efficienza delle sue aziende
Una zecca.

Altri sviluppi

Cambia il clima, arrivano le zecche. Ecco come difendersi

Questo contenuto è stato pubblicato al La zecca può trasmettere due malattie, la borreliosi di Lyme e la meningoencefalite. Dall’ufficio del medico cantonale ticinese arrivano consigli per difendersi.

Di più Cambia il clima, arrivano le zecche. Ecco come difendersi

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR