Navigation

Silenzio d'altri tempi nel castello di Chillon

Si appresta a riaccogliere i visitatori, per una stagione turistica che non sarà come le altre, uno dei monumenti simbolo della Svizzera: il castello di Chillon sul Lago Lemano, che stacca ogni anno 400'000 biglietti. In attesa della riapertura, prevista l'8 giugno, la Radiotelevisione svizzera RSI ha fatto visita al custode.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 maggio 2020 - 21:35
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 16.05.2020)
Contenuto esterno

Si chiama Olivier Etter ed è l'unico inquilino del castello. Da oltre due mesi non può ricevere visite, fatta eccezione per quelle nel suo appartamento, dove complice un silenzio d'altri tempi ha passato qualche ora in più ad ascoltare i suoi vinili.

Ogni sera, il custode suona la campana del castello in onore del personale impegnato nella lotta al coronavirus, poi compie il suo giro di ispezione: "Controllo che tutte le porte siano chiuse, ogni tanto do un’occhiata al tetto e alle tegole per controllare che non ci siano infiltrazioni, insomma: un castello va sorvegliato".

Contenuto esterno

SitoLink esterno del Castello di Chillon

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.