Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

pacchetto presentato a Berna Ventisei misure per prevenire il terrorismo

(1)

Piano d'azione contro l'estremismo

Cinque milioni di franchi saranno investiti nel prossimo quinquennio per sostenere progetti di prevenzione del terrorismo in Svizzera, secondo quanto è contenuto nel Piano d’azione nazionale contro la radicalizzazione e l’estremismo violento illustrato oggi a Berna.

Tra le 26 misure che sono delineate nel pacchetto figurano servizi specializzati e di consulenza ai quali possono rivolgersi anche i famigliari di persone che si sono radicalizzate.

Un pool di esperti nazionali collaborerà con le autorità locali per reintegrare gli estremisti e ogni Cantone dovrebbe designare un'autorità competente per questi casi e sviluppare un coordinamento delle informazioni e della gestione del fenomeno allo scopo di riconoscere precocemente il potenziale di pericolo di singoli individui e gruppi noti alla polizia.

Nella prevenzione verrà coinvolta anche la società civile, con il coinvolgimento di associazioni culturali, sportive e ricreative, e la scuola dove saranno definiti specifici programmi didattici e interventi in favore di giovani problematici.

Nell'ambito scolastico ed extra scolastico, il piano d'azione raccomanda l'elaborazione di strumenti didattici, di materiale pedagogico e di progetti legati ai temi della radicalizzazione e dell'estremismo violento. Interventi mirati possono essere previsti per giovani in situazioni difficili.

Le persone attive in ambienti educativi, sociali e giovanili devono essere sensibilizzate e vedersi proporre formazioni e corsi di aggiornamento appropriati al fine di riconoscere precocemente i segnali e i pericoli di radicalizzazione e agire in modo adeguato. Una campagna mirata sarà rivolta a coloro che operano in ambito religioso o nel settore dell’asilo.

Il piano d'azione presentato oggi costituisce la seconda parte del programma del Consiglio federale contro il terrorismo: il testo messo in consultazione in giugno riguardava le proposte di intervento a livello penale nei confronti delle persone radicalizzate.

Ma basteranno queste misure? Daniele Papacella lo ha chiesto a Kurt Pelda, il giornalista che con le sue ricerche ha indagato su strutture e conseguenze della radicalizzazione in Svizzera. 

terr

Parola a Kurt Pelda,che con le sue ricerche ha indagato su strutture e conseguenze della radicalizzazione in Svizzera

 

tvsvizzera/spal con RSI (TG del 4.12.2017)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×