Navigation

La Svizzera e l'estremismo islamico

Molti giovani sono partiti dalla Confederazione per combattere in nome di Allah e altri pensano di farlo

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 gennaio 2015 - 20:30

Un'ulteriore dimostrazione del fatto che l'estremismo islamico è presente anche in Svizzera. A fine dicembre le persone partite per combattere la jihad - la guerra santa - erano più di 60. Un fenomeno di radicalizzazione che preoccupa per primi i musulmani moderati. Ne abbiamo parlato con Hisham Maizar, presidente della Federazione delle organizzazioni islamiche svizzere.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.