Navigation

Moschea di Winterthur, dieci arresti

Dieci persone legate alla controversa moschea An'Nur di Winterthur sono state arrestate martedì per aver aggredito, lo scorso novembre, due fedeli sospettati di aver trasmesso informazioni interne al luogo di culto alla stampa.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 febbraio 2017 - 14:17
Contenuto esterno

Gli arrestati - di età compresa tra 17 e 53 anni - avrebbero pesantemente picchiato, maltrattato e rinchiuso i due fedeli. Avrebbero inoltre minacciato questi ultimi e le rispettive famiglie.

Il tutto in relazione all'articolo del 2 novembre 2016 in cui un giornalista riferisce di un sermone in cui l'imam della moschea di An'Nur avrebbe invitato ad uccidere e a denunciare i musulmani che non partecipano alle preghiere comuni.

Le forze dell'ordine hanno effettuato una dozzina di perquisizioni, indica una nota diffusa dal ministero pubblico zurighese. All'operazione hanno collaborato anche la procura dei minorenni e la polizia comunale.

I dieci arrestati sono accusati di aggressione, sequestro di persona, minaccia, coazione e lesioni personali.

La moschea An'Nur è più volte finita sotto i riflettori della cronaca come luogo di radicalizzazione di giovani andati a combattere nei ranghi dell'autoproclamato Stato Islamico.

Lo scorso novembre quattro persone erano state fermate Link esternodalla polizia, fra cui l'imam etiope sospettato di pubblica istigazione al crimine. 


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.