La televisione svizzera per l’Italia

Nessun rapporto della Confederazione sugli abusi nella Chiesa

Emorragia di fedeli
Emorragia di fedeli © Keystone / Gian Ehrenzeller

Bocciata una mozione che sollecitava un esame della Confederazione. Prevale alla Camera alta la tesi secondo cui la competenza in materia è dei singoli Cantoni.

Il Governo federale non sarà tenuto a occuparsi degli abusi sessuali nella Chiesa svizzera. La Camera alta ha infatti rigettato, con 33 voti contro 8, la mozioneCollegamento esterno del socialista Carlo Sommaruga che chiedeva uno specifico rapporto ufficiale sulle violenze di questa natura commesse su minorenni.

In particolare il parlamentare ginevrino sottolinea che con un atteggiamento proattivo orientato alla prevenzione e alla ricerca della verità da parte dell’esecutivo, che su questa questione era già stato sollecitato in passato, si sarebbero potute tutelare molte vittime e non sarebbero andati persi importanti documenti.

Inadempienze della Confederazione

A suo avviso, ha indicato Carlo Sommaruga, è indispensabile che la Confederazione, alla stregua di quanto fatto dal Governo irlandese oltre dieci anni fa, presenti un rapporto esaustivo, indipendente dalla Chiesa cattolica, che permetta non soltanto di riunire tutti i fatti, ma anche di rilevare le inadempienze delle autorità cantonali e federali dinanzi alle più recenti vittime. Il fenomeno degli abusi su minori in seno alla Chiesa cattolica, ha insistito, era stato denunciato pubblicamente da molti anni anche in Svizzera e il Consiglio federale era stato interpellato in merito alla necessità di un intervento.

A questo proposito il senatore ginevrino ha ricordato un suo atto parlamentare del 2010 in cui chiedeva se il Consiglio federale avesse contattato la Chiesa cattolica, dopo gli abusi emersi nel clero statunitense, canadese, irlandese, olandese e tedesco, per sviluppare insieme una strategia di prevenzione nella Confederazione.

La risposta del Governo

Da parte sua la consigliera federale Elisabeth Baume-Schneider ha riconosciuto che “il silenzio delle istituzioni è stato assordante”. Il Governo, ha fatto sapere, è molto colpito da quanto emerso recentemente dalla ricerca condotta dall’Università di Zurigo e attende da tutte le autorità cantonali, comprese le procure pubbliche, che assumano le loro responsabilità in questa vicenda.

Tuttavia, ha aggiunto la ministra giurassiana, la mozione non rappresenta una soluzione, dal momento che la regolamentazione dei rapporti Stato-Chiesa è di competenza dei Cantoni. L’esecutivo resta comunque disponibile ad affrontare la questione delle relazioni Stato-Chiesa sulla scorta dell’esperienza portata avanti in alcuni Cantoni.

Attualità

fotografia aerea dell'edificio principale del politecnico federale di zurigo

Altri sviluppi

Tasse triplicate nei politecnici federali per studenti stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Studentesse e studenti stranieri che in futuro intendono frequentare i politecnici federali di Zurigo e Losanna potrebbero veder triplicate le loro tasse d'iscrizione.

Di più Tasse triplicate nei politecnici federali per studenti stranieri
uomo con passamontagna tiene un cappio

Altri sviluppi

Forte aumento delle esecuzioni capitali nel mondo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'anno scorso il numero di esecuzioni nel mondo ha raggiunto il livello più alto dal 2015. Amnesty International ne ha contate 1'153, senza la Cina, che non fornisce cifre. La progressione più alta è stata registrata in Iran.

Di più Forte aumento delle esecuzioni capitali nel mondo
auto tra muraglioni di neve

Altri sviluppi

Riapre il passo del San Gottardo

Questo contenuto è stato pubblicato al La barriera sulla strada che porta ai 2'108 metri del valico tra il Ticino e Uri è stata sollevata alle 11:00 di mercoledì. L’apertura è stata posticipata a causa della neve.

Di più Riapre il passo del San Gottardo
persone che votano

Altri sviluppi

In Sudafrica si rinnova il Parlamento

Questo contenuto è stato pubblicato al Oltre 26 milioni di sudafricani sono chiamati alle urne mercoledì per eleggere i 400 membri del Parlamento, che dovranno poi a loro volta nominare il prossimo presidente.

Di più In Sudafrica si rinnova il Parlamento
donna sale su un'auto

Altri sviluppi

Nessun aiuto per la riconversione professionale di chi si prostituisce

Questo contenuto è stato pubblicato al Le persone che desiderano abbandonare la prostituzione non saranno aiutate a riconvertirsi professionalmente. Mercoledì il Consiglio degli Stati ha respinto all'unanimità una mozione del Consiglio nazionale in tal senso.

Di più Nessun aiuto per la riconversione professionale di chi si prostituisce

Altri sviluppi

Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Papa si scusa sull'epiteto-shock riguardante i seminaristi gay, trapelato a distanza di una settimana dall'incontro a porte chiuse con i vescovi italiani in cui sarebbe stato pronunciato, e che ieri in un baleno ha fatto il giro del mondo.

Di più Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere
sportello postale con persona carica di pacchi

Altri sviluppi

La Posta svizzera prosegue la sua cura dimagrante

Questo contenuto è stato pubblicato al Nei prossimi quattro anni la Posta chiuderà altre 170 filiali gestite in proprio. Nell'arco di 12 anni la rete di uffici postali in Svizzera è stata dimezzata.

Di più La Posta svizzera prosegue la sua cura dimagrante
donna

Altri sviluppi

Più trasparenza nei mandati dei parlamentari? Non se ne fa nulla

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha respinto martedì una proposta che chiedeva maggiore trasparenza in merito alle attività accessorie dei parlamentari e delle parlamentari.

Di più Più trasparenza nei mandati dei parlamentari? Non se ne fa nulla

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR