Navigation

L'albo degli artigiani non piace troppo neanche in Ticino

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 25 marzo 2017 - 19:18
tvsvizzera/spal con RSI (Quotidiano del 25.3.2017)

La Legge sulle imprese artigiani (LIA), introdotta in Ticino l’anno scorso per arginare la concorrenza dei padroncini provenienti da oltre confine nel settore edile, è contestata anche nel cantone italofono.

Lo testimoniano i piccoli artigiani che oggi hanno manifestato oggi in centro a Lugano per protestare contro le prescrizioni contenute nelle nuove norme e in particolare contro l’obbligo di iscrizione (piuttosto oneroso) all’albo cantonale.

In proposito nei prossimi giorni verrà depositata una petizione, sottoscritta da oltre 3'500 lavoratori, che ne chiede l’abrogazione. Sulla legge pendono comunque già i ricorsi della Commissione della concorrenza (ComCo) e da singoli artigiani sostenuti dalla Camera di commercio della Svizzera centrale secondo i quali la LIA viola le disposizione federali sul mercato interno.

Ma anche a sud del Ticino si ritiene che l’albo degli artigiani contrasti con le regole del mercato unico europeo firmate da Berna. Intanto, in attesa degli approfondimenti giuridici ordinati dal governo ticinese, sono salite a 4'500 le adesioni alla LIA sul cui futuro pendono importanti ipoteche.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.