Navigation

Addio all'ultimo 'Beat' Lawrence Ferlinghetti

Ferlinghetti in un'immagine del 2005. Ap2005

È morto lunedì a 101 anni il poeta ed editore statunitense Lawrence Ferlinghetti, uno dei padri della Beat Generation e proprietario della casa editrice e libreria City Lights a San Francisco, che di quel movimento artistico e letterario fu il tempio. A darne notizia è stato martedì il figlio Lorenzo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 febbraio 2021 - 19:05

Ferlinghetti, che è spirato nella sua casa della città californiana a causa di una malattia polmonare, per il centenario aveva pubblicato un'autobiografia intitolata 'Little boy'. "Cresciuto da romantico contestatore, ha conservato la sua giovanile visione di una vita destinata a durare per sempre, immortale come lo è ogni giovane, convinto che la sua identità speciale non morirà mai", si conclude il libro.

Scopritore di Allen Ginsberg, Jack Kerouac, Gregory Corso, William S. Burroughs e molti altri, Lawrence Ferlinghetti era nato a Yonkers (News York) il 24 marzo 1919. Non ebbe vita facile: il padre morì prima che sua madre partorisse e fosse, poco dopo, rinchiusa in manicomio. La donna ne uscì sei anni dopo e chiese di riaverlo, ma il piccolo scelse di rimanere con la famiglia affidataria.

Lawrence Ferlinghetti trascorse alcuni anni lavorando e studiando a Manhattan fino allo scoppio della Seconda guerra mondiale, quando fu arruolato in Marina. Un mese e mezzo dopo lo scoppio della bomba atomica vide le rovine di Nagasaki: "L'inferno in terra che mi rese all'istante pacifista per tutta la vita".

Contenuto esterno

La libreria City Lights a North Beach

In 'Little boy' si parla anche dell'Italia, paese che amava, l'unico cui abbia dato il permesso di aprire una succursale di 'City lights' (negli anni '90 a Firenze), dove ha esposto i suoi quadri e soggiornato spesso (Roma) e dove nel 2011 ha partecipato alle celebrazioni per i 150 anni dell'Unità (a Torino, che gli dedicò una mostra).

End of insertion

In seguito, studiò alla Sorbona a Parigi, prima di tornare negli Stati Uniti e stabilirsi all'Ovest, nell'allora piccola San Francisco. Nel 1953, vi aprì una libreria per poter stare dietro la cassa e leggere e scrivere in pace. Lì cominciò a frequentare quelli che presto sarebbero stati definiti Beat, come movimento giovanile e di espressione artistica.

Poeta e pittore, Ferlinghetti fu editore di un gruppo di scrittori ai quali -da un punto di vista strettamente letterario- non apparteneva; in sostanza, fece da imprenditore a un gruppo di amici. La prima edizione di 'Howl' di Allen Ginsberg con la City Lights Books gli costò nel 1956 un arresto e processo per pubblicazione oscena, da cui fu assolto difendendosi da solo. La vicenda rese internazionalmente noti entrambi.

Contenuto esterno

Nel servizio RSI, un ritratto del longevo Ferlinghetti e il suo ruolo nella diffusione della controcultura anni '50-'60.

Dipinse per tutta la vita, ma espose per la prima volta suoi disegni e dipinti a 101 anni compiuti, lo scorso settembre alla galleria New Release di New York.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 24.02.2021)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.