Navigation

La task force federale Covid-19 si scioglie

Dopo due anni di pandemia, la task force Covid-19 si scioglierà. © Keystone / Peter Klaunzer

La task force Covid-19 dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha tenuto martedì la centesima conferenza stampa dall’inizio della pandemia per fare il punto dei contagi e dei ricoveri.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 marzo 2022 - 20:56
tvsvizzera.it/mrj

Il centesimo point de presse del gruppo di lavoro dell’UFSP creato all'inizio della pandemia tenutosi martedì potrebbe anche essere l’ultimo: a fine mese è previsto il suo scioglimento, come pure la revoca, a partire dal primo aprile, di tutte le misure antipandemiche ancora in vigore (obbligo di indossare la mascherina sui mezzi pubblici e quello di isolamento in caso di contagio). La revoca deve però essere ancora confermata dal Consiglio federale alla luce dell’attuale stato dei contagi e dei ricoveri. La situazione non è allarmante: nonostante l’alto numero di infezioni, infatti, non ci sono gravi conseguenze sul sistema ospedaliero.

Contenuto esterno

“Nonostante questo sia il centesimo point de presse, non è un buon motivo per stappare bottiglie di champagne”, spiega il responsabile della task force Patrick Mathys. “È piuttosto la prova che il coronavirus è tra noi da più di due anni e non sembra intenzionato ad abbandonarci”. A dimostrarlo sono le cifre presentate oggi: ogni settimana si infettano oltre 500'000 persone, senza però pesare sul sistema ospedaliero, “grazie all’alto tasso di immunizzazione della popolazione e ai decorsi lievi della malattia causata dalla variante omicron”, ha aggiunto Mathys.

Per quanto riguarda la vaccinazione, le autorità sanitarie hanno deciso di non raccomandare il secondo richiamo – ossia la quarta dose – in autunno: “Ad oggi non c’è un’evidenza scientifica che dimostri la necessità di un secondo richiamo a quattro mesi dal primo. Per nessuna fascia della popolazione. Non vi sono inoltre studi a sostegno di una raccomandazione generalizzata”, ha sottolineato il presidente della Commissione federale per le vaccinazioni Christoph Berger.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?