Navigation

Vienna sospende l'obbligo di vaccinazione contro il Covid-19

Contenuto esterno

Il governo austriaco ha revocato l'obbligo di vaccinazione contro il Covid-19. "Abbiamo deciso di seguire il consiglio della commissione di esperti" e di "sospendere" la vaccinazione obbligatoria, ha annunciato il ministro per gli  Affari costituzionali Karoline Edtstadler, durante una conferenza stampa a Vienna.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2022 - 14:11

A suo dire l'imposizione, a causa della presenza della variante Omicron, non è più proporzionata. La situazione sarà comunque rivalutata tra tre mesi, secondo quanto ha aggiunto il ministro della salute Johannes Rauch.

L'obbligo è entrato in vigore a inizio febbraio e da metà marzo dovevano scattare i controlli, con conseguenti pesanti sanzioni. Ultimamente erano però stati sollevati numerosi dubbi sulla reale applicabilità del provvedimento.

La decisione si basa su un parere della task force di esperti che conferma l'utilità del vaccino, ma suggerisce flessibilità in funzione dell'attuale situazione, soprattutto visto che la variante dominante non è pienamente coperta dal vaccino.

"Come il virus anche noi dobbiamo adattarci in continuazione", ha proseguito Edtstadler. Per questo motivo la legge non viene revocata ma resta in standby. "Come ex giudice sono convinta che una legge senza sanzioni è inutile", ha proseguito la ministra. Se in autunno la situazione lo dovesse richiedere il governo potrà "reagire in modo molto tempestivo", ha spiegato Edtstadler.




I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?