La televisione svizzera per l’Italia

L’importanza delle foreste di protezione

foresta di alberi
Boschi sani proteggono da slavine e valanghe. Keystone/gaetan Bally

Il maltempo che ha colpito il sud e l'est della Svizzera (ma non solo) in questi giorni ha dimostrato quanto siano importanti i boschi di protezione. Per essere efficaci, però, devono essere sani.

Solo un bosco di protezione sano rappresenta un riparo efficace ed economico dai pericoli naturali. Il futuro di queste foreste, però, è sempre più a rischio. Esperte ed esperti i provenienti da tutta la Svizzera e dall’estero si sono incontrati nel canton Grigioni per discutere dell’attuale situazione. Tra questi anche il Gruppo svizzero per la selvicoltura di montagna (GSM), che ha presentato non solo delle analisi, ma anche proposte concrete, come per esempio il ricorso a nuove piante.

+ L’equilibrio perduto tra paesaggio e incendi

Attualmente le foreste elvetiche sono composte principalmente da abeti rossi e bianchi, ma è un paesaggio che è destinato a mutare. Sono già comparse querce, sorbi e diversi tipi di acero: “Un ricambio dovuto al clima caldo e secco, che andrà avanti per anni”, spiega ai microfoni della Radiotelevisione della Svizzera italiana RSI il presidente del GSM Luca Plozza.

Una teoria condivisa anche da Harald Bugmann, ecologo forestale presso il Politecnico federale di Zurigo: “È praticamente sicuro che in futuro gli abeti bianchi e gli abeti rossi che compongono la quasi totalità del bosco scompariranno. Se il faggio riuscirà a resistere o addirittura a diffondersi, invece, è molto meno sicuro”.

Il problema della selvaggina

L’evoluzione della natura dipende da molti fattori, a volte imprevedibili e le cose potrebbero ancora cambiare, ma per piante come le latifoglie un pericolo è già evidente: gli animali selvatici. Si tratta di piante amate dalla selvaggina che, nutrendosene, ne riduce il numero. E senza l’introduzione di nuove specie vegetali, i boschi si diraderanno sempre di più, perdendo così la loro capacità di riparare efficacemente da frane e slavine paesi e strade di montagna. Due le soluzioni proposte: da una parte proteggere le giovani piantine “ridirigendo” gli animali verso altre piante, dall’altra la riduzione del numero di esemplari presenti in queste aree. 

Contenuto esterno

La preoccupazione maggiore, spiega la ricercatrice dell’Istituto per lo studio della neve e delle valanghe (SLF) di Davos Alessandra Bottero, “è quando i danni estesi avvengono nei boschi di protezione diretta, ovvero quelli che proteggono da valanghe o cadute di massi. Quindi lì è veramente utile capire dove ci sono danni e occorre intervenire in maniera molto repentina”.

L’importanza di queste foreste, insomma, è primaria per il gruppo di una sessantina di esperti ed esperte provenienti da università, istituti di ricerca, Confederazione e Cantoni queste foreste sono la priorità. Anche perché l’alternativa a queste barriere naturali non è facilmente realizzabile, spiega Plozza: “L’alternativa sarebbe costruire opere di protezione, terrapieni e ripari valangari che costano molto di più e non potremmo permettercelo”.

Attualità

Manifestanti eritrei sulla Piazza federale.

Altri sviluppi

Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le e i partecipanti hanno contestato a Berna i ventilati respingimenti verso Stati terzi e l'obbligo del passaporto per l'ottenimento del permesso di soggiorno.

Di più Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera
Due pompieri osservano la portata del Rodano nei pressi di Sierre.

Altri sviluppi

Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Nonostante il lieve calo delle acque del Rodano e dei suoi affluenti, il livello di allarme e lo stato d'emergenza non vengono revocati.

Di più Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese
Bimbi attorno a un cratere formato dalle bombe israeliane.

Altri sviluppi

Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esercito israeliano è tornato a bombardare pesantemente Gaza la scorsa notte: i morti sono almeno 22 e i feriti 45.

Di più Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza
Due veicoli della polizia in centro a Zurigo.

Altri sviluppi

‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Antimafia di Catanzaro chiede assistenza giudiziaria a Berna nell'ambito di un'indagine sulla cosca Maiolo, perquisizioni a Zurigo, Berna e Turgovia.

Di più ‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera
Interventi nei pressi della centrale idroelettrica a Vissoie nella val d'Anniviers (Vallese).

Altri sviluppi

Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Il cantone bilingue è la zona più colpita da frane e inondazioni dovute alle intense precipitazioni di questi giorni. Zermatt isolata a causa degli smottamenti e dell'esondazione della Vispa. Preoccupano i corsi d'acqua delle valli laterali.

Di più Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese
Donna in carrozzina.

Altri sviluppi

L’80% delle stazioni accessibili alle persone disabili

Questo contenuto è stato pubblicato al I recenti interventi di adeguamento negli scali ferroviari e alle fermate periferiche hanno migliorato l'agibilità degli stessi ma non sono stati rispettati gli obiettivi legali.

Di più L’80% delle stazioni accessibili alle persone disabili
I legali della potente famiglia Hinduja, Nicolas Jeandin (sinistra) e Robert Assael, che hanno preannunciato ricorso.

Altri sviluppi

La potente famiglia Hinduja condannata per usura

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Tribunale di Ginevra infligge pesanti pene detentive a quattro componenti della ricchissima famiglia indiana per aver sfruttato i domestici, pagati tra i 200 e i 400 franchi al mese.

Di più La potente famiglia Hinduja condannata per usura
Rishi Sunak

Altri sviluppi

Sul Partito conservatore britannico si abbatte lo scandalo scommesse

Questo contenuto è stato pubblicato al A due settimane dalle elezioni, il partito del premier Rishi Sunak non solo è dato ai minimi storici, ma è anche scombussolato dalle dimissioni di direttore della campagna elettorale Tony Lee, coinvolto nello scandalo delle scommesse fatte sulla data del voto.

Di più Sul Partito conservatore britannico si abbatte lo scandalo scommesse
Zermatt

Altri sviluppi

Rischio esondazioni, Zermatt tagliata fuori dal mondo

Questo contenuto è stato pubblicato al Da venerdì mattina, la località turistica ai piedi del Cervino è inaccessibile. A causa del rischio di esondazione del torrente Vispa, nessun treno circola tra Visp e Zermatt, che non è raggiungibile neppure via strada a causa di smottamenti nella località.

Di più Rischio esondazioni, Zermatt tagliata fuori dal mondo
donald sutherland

Altri sviluppi

Il cinema in lutto per la scomparsa di Donald Sutherland

Questo contenuto è stato pubblicato al L'attore canadese è morto giovedì all'età di 88 anni. Dopo gli esordi teatrali e parti minori, Sutherland conobbe il successo alla fine degli anni '60, con La sporca dozzina e Mash.

Di più Il cinema in lutto per la scomparsa di Donald Sutherland

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR