La televisione svizzera per l’Italia

Jean-Daniel Ruch sarà il segretario di Stato della politica di sicurezza del DDPS

Jean-Daniel Ruch
Dopo una lunga carriera diplomatica, è una sorta di "ritorno alle origini", ha detto Ruch. © Keystone / Alessandro Della Valle

Il Consiglio federale ha deciso di nominare Jean-Daniel Ruch come segretario di Stato della politica di sicurezza in seno al Dipartimento federale della difesa (DDPS).

Jean-Daniel Ruch sarà il segretario di Stato della politica di sicurezza in seno al Dipartimento federale della difesa (DDPS) a partire da gennaio 2024. Il sessantenne, attuale ambasciatore svizzero in Turchia, è stato nominato venerdì dal Consiglio federale.

Vista l’evoluzione della situazione di minaccia il Governo elvetico ha deciso di istituire una Segreteria di Stato della politica di sicurezza (SEPOS) in seno al Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS), ha spiegato in conferenza stampa a Berna la consigliera federale Viola Amherd. Insieme ai suoi circa 100 collaboratori, Ruch assicurerà che la politica di sicurezza della Confederazione sia coerente.

Altri sviluppi

La SEPOS anticipa ed elabora opzioni operative a livello strategico destinate ai decisori politici e coordina tra loro gli strumenti di politica di sicurezza all’interno dell’Amministrazione federale. Tra i suoi compiti ci sarà anche quello di rappresentare il capo del DDPS all’interno di organismi internazionali e coordinare questioni di sicurezza aventi un orientamento nazionale e internazionale.

Ruch è un profondo conoscitore del sistema della politica di sicurezza in Svizzera e all’estero, ha sottolineato Amherd. Grazie al lavoro svolto in ambito nazionale e internazionale, alla sua esperienza pluriennale in ambito amministrativo e nel servizio diplomatico, nonché alla sua formazione e alle attività di perfezionamento, secondo il Governo il suo profilo corrisponde integralmente a quello dei requisiti per la funzione di segretario di Stato.

Un momento storico chiave

Davanti ai media Ruch si è detto onorato della nomina e ha parlato di una sorta di ritorno alle origini per lui. “Ci troviamo in un momento chiave della storia d’Europa”, ha poi affermato, evocando le principali sfide che attendono la Svizzera e il mondo: sconvolgimenti geopolitici, progressi tecnologici, che stanno creando un mondo virtuale, e il riscaldamento climatico, già oggi fonte di conflitti. “Sarà importante costruire legami fra vari settori e attori, dall’industria ai Cantoni, dalla difesa a Fedpol, e poi a livello internazionale”, ha specificato rispondendo a un giornalista.

Contenuto esterno

In conferenza stampa non sono mancate le domande sull’entità della futura cooperazione tra Svizzera e NATO, alle quali Ruch ha preferito non rispondere prima di aver assunto il suo ruolo. “Prima di decidere, occorrerà riflettere e stilare una lista dei vari interessi in gioco”, ha semplicemente affermato.

L’importanza della neutralità elvetica

Interpellato in merito alla neutralità della Svizzera, ha sottolineato come questa non solo sia identitaria, ma grazie a essa egli abbia potuto compiere molte cose in passato. Ha comunque tenuto a citare una frase che lo ha molto segnato: “Davanti al crimine nessuno è neutrale”.

Il suo curriculum è denso e diversificato. Ha concluso gli studi in relazioni internazionali e politica di sicurezza a Ginevra nel 1988. Dopo aver lavorato per tre anni presso l’Ufficio centrale della difesa dell’epoca in seno al Dipartimento militare federale, nel 1992 ha intrapreso la carriera nel servizio diplomatico presso il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Ha poi lavorato per l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE), come consulente politico del procuratore capo del Tribunale penale internazionale per l’ex-Jugoslavia all’Aia e ha diretto la sezione Politica di pace dell’odierna divisione Sicurezza umana a Berna. A partire dal 2008 ha lavorato come rappresentante speciale per il Medio Oriente con il titolo di ambasciatore, prima di diventare capo della Missione svizzera a Belgrado, poi a Tel Aviv e, dal 2021, ad Ankara.

Per la selezione del nuovo segretario di Stato è stata istituita un’apposita commissione composta dal segretario generale del DDPS Toni Eder, dal capo Risorse DDPS e suo supplente Marc Siegenthaler, dal segretario generale del Dipartimento federale degli affari esteri Markus Seiler, dalla direttrice di Fedpol Nicoletta della Valle nonché da Béatrice Métraux, ex consigliera di Stato di Vaud.

Attualità

Joe Biden

Altri sviluppi

Biden ha il Covid

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha contratto l'infezione ma assicura di sentirsi bene. La notizia rischia però di far aumentare la pressione per un suo possibile ritiro dalla corsa elettorale

Di più Biden ha il Covid
La presidente Viola Amherd (a destra) con alcuni partecipanti al vertice della Comunità politica europea.

Altri sviluppi

Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

Questo contenuto è stato pubblicato al Si è aperto oggi al Blenheim Palace di Woodstock, comune del sud dell'Inghilterra nei pressi di Oxford, il quarto vertice della Comunità politica europea (CPE).

Di più Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea
Container al porto fluviale di Basilea.

Altri sviluppi

Ripresa del commercio estero svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo un inizio d'anno poco dinamico le esportazioni sono tornate a crescere con vigore nel secondo trimestre.

Di più Ripresa del commercio estero svizzero
Il Tribunale penale federale a Bellinzona.

Altri sviluppi

Algerino rinviato a giudizio per terrorismo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Procura federale il presunto militante dello Stato Islamico (ISIS), la cui domanda d'asilo in Svizzera era stata respinta, progettava un attentato in Francia.

Di più Algerino rinviato a giudizio per terrorismo
Traffico veicolare in una città svizzera.

Altri sviluppi

Radar anti-rumore a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha testato lo scorso anno nella città di Calvino alcuni nuovi apparecchi, nell'ambito di un progetto pilota che ha lo scopo di sanzionare in modo più efficace il rumore eccessivo sulle strade.

Di più Radar anti-rumore a Ginevra
prigionieri di guerra salgono su un bus.

Altri sviluppi

Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

Questo contenuto è stato pubblicato al Russia e Ucraina hanno liberato 95 prigionieri di guerra a testa, a meno di un mese dal precedente scambio.

Di più Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR