La televisione svizzera per l’Italia

Il CBD ha poco successo in Svizzera

vasi riempiti di cime di marijuana
Tre svizzeri e svizzere su quattro non hanno mai usato prodotti a base di CBD. © Keystone / Anthony Anex

Poco meno del 75% della popolazione elvetica non ha mai usato prodotti legali contenenti cannabidioli (CBD) e la ragione principale è che non ne avverte il bisogno.

Secondo un’inchiesta effettuata dall’agenzia di marketing e inchieste di mercato zurighese LINK pubblicata mercoledì, tre svizzere e svizzeri su quattro non hanno mai provato prodotti a base di CBD, perché non ne hanno mai sentito il bisogno. Il 30% dei e delle partecipanti over 60 allo studio si è detto propenso a provarli nel corso del prossimo anno. Questa percentuale scende al 5% tra i e le 30-44enni.

Oltre alla maggioranza che non sente il bisogno di provare la sostanza, c’è anche chi teme l’insorgere di una dipendenza, come pure i suoi potenziali effetti collaterali.

+ La marijuana legale non è il nuovo Eldorado

Per quanto riguarda le persone che lo usano o l’hanno già usato, lo studio ha raccolto dati sui motivi principali che portano all’assunzione del CBD. La classifica vede al primo posto i disturbi del sonno e la mitigazione del dolore (16% per entrambi). Secondi, a pari merito (13%), troviamo il benessere/umore e l’alleviamento dello stress.

La graduatoria differisce per il Ticino: il 31% dei e delle ticinesi vede nel fatto di combattere lo stress il motivo principale per cui ha assunto o assume cannabidioli. Per il 16% la ragione è invece la facilitazione del sonno.

+ Quando il Ticino era una piccola Amsterdam

Consumatori e consumatrici valutano diversi criteri prima di procedere all’acquisto. Quelli più importanti sono la qualità del prodotto (fatto più importante per il 64% di chi ne fa uso), la sua provenienza svizzera (45%), nonché il tipo e la modalità d’assunzione del preparato (38%). Solo al quarto posto troviamo il prezzo (37%), mentre la marca è il criterio più importante per solo il 5% delle persone intervistate.

Per il sondaggio sono state interpellate 1’611 persone tra i 18 e i 79 anni di età delle tre principali regioni linguistiche del Paese.

Attualità

Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”
fotografie degli ostaggi di hamas

Altri sviluppi

Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

Questo contenuto è stato pubblicato al Le trattative per la liberazione degli ostaggi in mano ad Hamas sono state sospese. Ad annunciarlo un'emittente israeliana.

Di più Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese
due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR