La televisione svizzera per l’Italia

Gli F-35A vanno acquistati

aereo da combattimento in volo, fotografato dall alto
Aspettare l'eventuale votazione popolare "Stop F-35" significherebbe esporsi a grandi ritardi e prezzi maggiorati Keystone / Senior Airman Joseph Barron

La Commissione della politica di sicurezza del Consiglio degli Stati (CPS-S) ha deciso di incaricare il Consiglio federale a sottoscrivere il contratto con gli Stati Uniti entro il 31 marzo 2023 per l’acquisto degli aerei da combattimento F-35A per 6,1 miliardi di franchi.

Questo primo via libera è una cattiva notizia per chi si oppone all’acquisto dei modelli americani. Con 9 voti a 2, infatti, la Commissione chiede al Governo di non aspettare l’esito dell’eventuale voto popolare. La richiesta (già evocata all’indomani dell’inizio del conflitto in Ucraina) verrà inserita nel messaggio sull’esercito 2022, che verrà discusso dal Consiglio degli Stati a giugno, e dal Consiglio nazionale nella sessione autunnale.

Contenuto esterno

“Non possiamo aspettare fino alla scadenza dell’offerta degli Stati Uniti. Se dovesse scadere, il prezzo d’acquisto aumenterebbe e anche i tempi d’acquisto non sarebbero più garantiti”, ha spiegato ai microfoni della RSI il presidente della Commissione, l’esponente dell’Unione democratica di centro (destra sovranista) Werner Salzmann. “Con la guerra in atto in Ucraina, la Svizzera deve potenziare velocemente le sue capacità di difesa. Non si tratta solo di competenze, ma anche di materiale adatto per difenderci”.

Non c’è motivo per attendere, ha aggiunto, poiché il popolo si è già espresso a favore di questo acquisto. Sul principio, ma non sul modello, la cui scelta è stata lasciata al Governo. Inoltre, se anche dovesse esserci una votazione popolare sull’iniziativa “Stop F-35”, potrebbe tenersi solo nel 2024, ossia troppo tardi.

Contenuto esterno

Attualità

Le cascate del Reno a Sciaffusa.

Altri sviluppi

Le rocce delle cascate del Reno sotto esame

Questo contenuto è stato pubblicato al I geologi misurano le vibrazioni per accertarne la stabilità malgrado l’erosione. Si pensa in particolare alla sicurezza dei turisti.

Di più Le rocce delle cascate del Reno sotto esame
Cozze nel Lago di Costanza.

Altri sviluppi

Specie invasive, una soluzione per le cozze quagga

Questo contenuto è stato pubblicato al La cozza quagga può essere una risorsa naturale da sfruttare come alternativa al cemento o ai comuni fertilizzanti. L'idea di una start-up svizzera.

Di più Specie invasive, una soluzione per le cozze quagga
Soccorritori della Rega.

Altri sviluppi

Alpinista muore sul Cervino

Questo contenuto è stato pubblicato al Un'alpinista è deceduta oggi mentre si trovava sul Cervino. La donna è precipitata per 100 metri morendo sul colpo, riferisce la polizia cantonale vallesana.

Di più Alpinista muore sul Cervino
Un drone nel cielo.

Altri sviluppi

Droni, una campagna per evitare il caos nei cieli

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Ufficio federale dell'aviazione civile detta le istruzioni per l'uso corretto degli apparecchi volanti pilotati a distanza.

Di più Droni, una campagna per evitare il caos nei cieli
Una farmacista davanti a una scansia di farmaci.

Altri sviluppi

L’autorizzazione dei medicinali in Svizzera più lenta che in Ue

Questo contenuto è stato pubblicato al L'omologazione di un farmaco in Svizzera, indica uno studio condotto dall'industria farmaceutica e da Swissmedic, richiede in media 249 giorni in più rispetto all'Unione Europea.

Di più L’autorizzazione dei medicinali in Svizzera più lenta che in Ue

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR