Navigation

Diversi svizzeri ancora bloccati in Afghanistan

L'aeroporto di Kabul resta per ora ancora sotto il controllo USA Keystone / Staff Sgt. Victor Mancilla

Gli sforzi della Confederazione per rimpatriare dall’Afghanistan cittadini elvetici e collaboratori afghani continua e sabato un aereo della compagnia Swiss sarà inviato in Uzbekistan, snodo principale dei voli che partono da Kabul. Sono tre gli obiettivi di questo volo: portare materiale sanitario, collaborare ai rimpatri e mandare rinforzi (sei persone) alla squadra elvetica già presente a Kabul.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 agosto 2021 - 21:10
tvsvizzera.it/mrj

“Il popolo afghano ha bisogno di noi e ha bisogno della comunità internazionale. Siamo preoccupati per la situazione”: con queste parole il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha aperto la conferenza stampa dedicata all’impegno elvetico in Afghanistan.

Il DFAE, ha dichiarato Hans-Peter Lenz, capo della cellula di crisi, è cosciente del fatto che “forse non tutte le persone che dovrebbero tornare potranno salire a bordo. Si tratta di un contributo agli sforzi internazionali per accelerare l’evacuazione da Kabul”.

Per il momento 11 dei 25 cittadini elvetici presenti in Afghanistan hanno potuto lasciare il Paese. Uno solo è tornato nella Confederazione, gli altri si trovano in altri Stati. Nessuno degli oltre 230 collaboratori locali e familiari ha invece potuto andarsene.

Contenuto esterno

Il Partito socialista elvetico ha dal canto suo indetto venerdì una conferenza stampa nel corso della quale ha chiesto al Governo di accogliere 10'000 persone. Una richiesta sostenuta anche dai Verdi e firmata online da oltre 40'000 persone.

“La situazione continua a cambiare. Nessuno sa davvero come si svilupperà. Il Governo continuerà a valutare la situazione, ma per il momento non possiamo prendere decisioni”, ha spiegato dal canto suo il segretario di Stato supplente Johannes Matyassy.

Liste nere e spedizioni punitive

Intanto sono già 18'000 le persone che hanno lasciato il Paese da quando i talebani hanno ripreso in mano il potere la scorsa domenica. All’aeroporto di Kabul, però, ci sono ancora migliaia di uomini e donne in attesa di poter partire. Si tratta soprattutto di persone che per 20 anni hanno lavorato per gli occidentali e che ora temono ripercussioni da parte dei terroristi, nonostante questi abbiano assicurato che non cercano la vendetta e che non impediscono a nessuno di andarsene.

Dichiarazioni che sono però in contrasto con i racconti sempre più numerosi di spedizioni punitive. Stando all’ONU ci sarebbero delle vere e proprie liste nere e un reale rischio di assistere a delle esecuzioni di massa. Nelle ultime ore la categoria presa maggiormente di mira è quella dei giornalisti.

Contenuto esterno

Joe Biden: “Questa guerra andava conclusa”

Joe Biden si è intanto di nuovo rivolto venerdì al pubblico, insistendo su alcuni punti. Inizialmente ha spiegato che sono 6'000 i soldati americani che stanno cercando di garantire la sicurezza intorno all’aeroporto di Kabul. Ha poi promesso che “ogni americano che vorrà lasciare il Paese, verrà portato a casa. Costi quel che costi”. Si è poi rivolto direttamente ai terroristi ai quali ha fatto sapere che se cercheranno di interferire con queste operazioni, la risposta USA “sarà veloce e potente”.

Alla domanda di un giornalista su eventuali ripensamenti riguardo al ritiro delle truppe a stelle e strisce dall’Afghanistan, l’inquilino della Casa Bianca ha risposto “No, assolutamente. Questa guerra andava finita”.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.