Navigation

L'Afghanistan e il dilemma dei rifugiati

Alcune centinaia di persone hanno manifestato martedì davanti a Palazzo federale a Berna contro il regime talebano. Keystone / Peter Klaunzer

Dar prova di solidarietà accogliendo un contingente di rifugiati afghani o chiudere le porte: la Svizzera, come molti altri Paesi, si divide in due.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 agosto 2021 - 20:49
tvsvizzera.it/mar con Keystone-ATS

Finora, l'unica decisione presa dalle autorità svizzere è di sospendere i rinvii verso l'Afghanistan e di accogliere i 38 membri del personale locale dell'Ufficio di cooperazione elvetico a Kabul e le loro famiglie. Si tratta complessivamente di circa 230 persone, che però non hanno ancora potuto lasciare il Paese.

Una delle immagini simbolo di questi giorni: un C-17 dell'esercito americano stipato fino all'inverosimile di afghani che lasciano il loro paese. Keystone / Air Mobility Command Public Affa

I partiti di sinistra e diverse organizzazioni chiedono dal canto loro al Governo federale di concedere lo statuto di protezione agli afghani residenti in Svizzera e soprattutto di accogliere un contingente di 10'000 persone vulnerabili, in particolare donne e bambini.

Diverse centinaia di persone hanno inoltre manifestato martedì davanti alla sede dell'ONU a Ginevra e davanti a Palazzo federale a Berna per chiedere, tra le altre cose, che la Svizzera non rimanga in silenzio di fronte a quanto sta succedendo in Afghanistan.

Richieste d'aiuto alle autorità sono giunte anche da parte di organizzazioni che in questi anni hanno dato il loro contributo al tentativo di ricostruzione dell'Afghanistan. Una di queste è l'associazione Afghanistanhilfe, con sede a Sciaffusa, che teme per i collaboratori afghani con cui ha collaborato.

Contenuto esterno

Il ministro degli esteri Ignazio Cassis ha da parte sua indicato lunedì che il Governo "valuta di ora in ora" se la Svizzera debba o meno accettare più rifugiati. Tuttavia - ha precisato il ticinese - ciò dipende anche dalla cooperazione di altri Stati e "la Confederazione da sola non può fare molto".

L'Unione democratica di centro (UDC, destra sovranista) si è invece detta fermamente opposta a qualsiasi contingente. Per affrontare la crisi afghana, bisogna fornire aiuti sul posto e nei Paesi circostanti, ma l'asilo va concesso solo alle persone che rischiano di essere uccise.

Con flussi incontrollati di richiedenti l'asilo, potrebbero arrivare in Svizzera anche islamisti, criminali violenti e persone non integrabili, aggiunge il partito. Inoltre "la Svizzera deve rimanere rigorosamente neutrale".

Contenuto esterno


Intanto, in Afghanistan i talebani nella loro prima conferenza stampa hanno cercato ancora una volta di rassicurare, sottolineando che rispetteranno le minoranze e le donne. Una strategia di distensione che però non convince tutti.

Contenuto esterno


Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.