Navigation

Clima, stretta finale per trovare un'intesa

Manifestanti pro clima a Glasgow dove è in corso la Cop26. Keystone / Robert Perry

Nella notte è stata definita la seconda bozza del documento finale della conferenza Onu sul clima Cop26, integrata dai rilievi dei ministri presenti a Glasgow che avevano lo scopo di venire incontro alle esigenze dei paesi emergenti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 novembre 2021 - 13:09
tvsvizzera.it/spal con Keystone-ATS

Rispetto alla prima versione vengono confermati gli obiettivi di plafonare a 1,5 gradi il riscaldamento globale (dai livelli pre-industriali), di tagliare le emissioni di anidride carbonica del 45% al 2030 rispetto al 2010 e di arrivare a zero emissioni nette di CO2 intorno alla metà del secolo.

Rimangono anche la richiesta di "profonde riduzioni nelle emissioni di gas a effetto serra che non sono anidride carbonica" e l'invito all'aggiornamento urgente degli obiettivi di decarbonizzazione (Ndc) per quei paesi che non lo hanno ancora fatto (l'Accordo di Parigi prevedeva l'aggiornamento nel 2020) ma sparisce la previsione di un ulteriore aggiornamento entro la fine del 2022, presente nella prima bozza.

Contenuto esterno

Il documento contiene anche l'invito ai governi ad accelerare sulle fonti rinnovabili per la produzione elettrica e sulla eliminazione del carbone e dei sussidi alle fonti fossili.

I nodi politici non ancora risolti però sono ancora diversi e sono di una certa rilevanza e sono destinati a tenere impegnati politici e tecnici per tutta la giornata che dovrebbe concludere i lavori a Glasgow: oltre alla revisione degli impegni di decarbonizzazione entro la fine del 2022 già citato, non c'è piena intesa su mercato globale del carbonio (l'articolo 6 dell'Accordo di Parigi), trasparenza (le regole per comunicare i risultati di decarbonizzazione degli Stati), Paris Rulebook (le regole per applicare l'Accordo del 2015 sul clima).

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.