La televisione svizzera per l’Italia

Cassis all’ONU: ” Rafforzare la fiducia per costruire una pace duratura”

Ignazio Cassis
È la prima volta nella storia che un rappresentante del Governo svizzero presiede una seduta del Consiglio di sicurezza dell'ONU. Copyright 2023 The Associated Press. All Rights Reserved.

Il ministro degli affari esteri svizzero Ignazio Cassis ha presieduto per la prima volta mercoledì una seduta del Consiglio di sicurezza dell'ONU.

Alla presidenza del più importante organo delle Nazioni Unite da lunedì e per un mese, la Svizzera per bocca del suo consigliere federale Ignazio Cassis ha esortato a rafforzare la fiducia reciproca per mantenere la pace e la sicurezza.

+ Cosa bisogna aspettarsi dalla presidenza svizzera del Consiglio di sicurezza?

“Il sistema multilaterale è sotto stress, ma non è in declino. È tempo di affinare i nostri strumenti per rafforzare la fiducia e costruire così una pace duratura”, ha dichiarato il ministro degli esteri, primo rappresentante del Governo svizzero a dirigere una seduta del Consiglio di sicurezza.

Contenuto esterno

“Dove vige la fiducia, tutto è possibile”, ha detto Cassis. Dietro le istituzioni ci sono persone, così come famiglie o vicini di casa. Per andare d’accordo, serve trasparenza, onestà e disponibilità al compromesso.

Lo stesso vale a livello di Stati. In Ucraina, ad esempio, una pace sostenibile può essere raggiunta solo con il rispetto da parte di tutti di regole condivise.

Divisioni fra grandi potenze

Negli ultimi anni, l’organismo dell’Onu è stato spesso bloccato dalle divisioni esistenti fra grandi potenze. Nel suo mese alla presidenza, la Svizzera vuole operare per una maggiore efficacia.

“È tempo che il Consiglio di sicurezza si prenda le proprie responsabilità e rifletta sul proprio potenziale” di fronte alle crisi, ha detto Cassis nel suo discorso. Senza nominare l’offensiva russa in Ucraina, il ministro ha sottolineato che “le ingiustizie e le violazioni” della Carta dell’ONU “non giustificano il trincerarsi di ognuno dietro le proprie posizioni”. L’augurio è che i membri “rappresentino il sistema insieme”.

L’intervista a Ignazio Cassis

Contenuto esterno

Architettura di pace

Mentre il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres deve svelare la nuova agenda per la pace, il Consiglio deve riflettere a una “architettura di pace più ampia”, ha aggiunto Cassis nel suo discorso. Una architettura inclusiva che coinvolga coloro che la popolazione ha designato come democraticamente legittimi. Ma che rispetti anche le differenze culturali e si prenda cura del patrimonio storico.

Cassis invita poi a utilizzare soluzioni al passo coi tempi. “La scienza e le nuove tecnologie ci offrono l’opportunità di anticipare e comprendere meglio i rischi di oggi e le opportunità di domani”, ha sottolineato.

La Svizzera in questo mese di maggio assume per la prima volta la presidenza del Consiglio di sicurezza dell’ONU. Può quindi indire sedute straordinarie su temi che considera prioritari. Oltre alla pace, vi sono argomenti come la protezione della popolazione civile e le misure contro i cambiamenti climatici.

Attualità

Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori
binari in tunnel

Altri sviluppi

Tunnel di base del San Gottardo, sostituiti sette chilometri di binari

Questo contenuto è stato pubblicato al Dall'inizio dei lavori di riparazione lo scorso ottobre, sono stati sostituiti sette chilometri di binari nel tunnel ferroviario di base del San Gottardo ed è attualmente in corso l'installazione di un nuovo portone di cambio binario, indicano le FFS.

Di più Tunnel di base del San Gottardo, sostituiti sette chilometri di binari
dottoressa esamina orecchio di una paziente

Altri sviluppi

Entro il 2033 mancheranno più di 2’300 medici in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Nei prossimi 10 anni la medicina interna generale perderà il 44% degli impieghi a tempo pieno principalmente a causa dei pensionamenti e della riduzione dei tassi di occupazione.

Di più Entro il 2033 mancheranno più di 2’300 medici in Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR