Navigation

Al via le Olimpiadi della pandemia

Una scena sontuosa in uno stadio vuoto: si sono aperte così, con un anno di ritardo, le Olimpiadi di Tokyo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 luglio 2021 - 21:09
tvsvizzera.it/mrj
Contenuto esterno

“Dichiaro aperti i Giochi di Tokyo”: con la tradizionale frase l’imperatore giapponese Naruhito ha dato il via a questa 32sima edizione, segnata dalla pandemia.

La cerimonia è stata meno festiva e spensierata rispetto a quanto si fa abitualmente (ricordiamo, per esempio, la festa a suon di samba tenutasi a Rio de Janeiro nel 2016) a causa della situazione pandemica che ancora attanaglia il pianeta e che ha spinto gli organizzatori alla difficile decisione di organizzare queste Olimpiadi senza la presenza del pubblico.

Lo stadio olimpico, che normalmente accoglie 65'000 persone, vuoto, con poche eccezioni Keystone / Georg Hochmuth

Omaggi al personale sanitario (un’infermiera che si occupa di malati di coronavirus è stata scelta per portare la bandiera giapponese), video di atleti che, vista la situazione sanitaria, si sono dovuti allenare da soli e sfilata degli atleti, tutti con la mascherina e nel rispetto del distanziamento sociale: il virus è stato il protagonista di questa giornata.

“Oggi è un momento di speranza. Sì, è molto diverso da quello che ci eravamo immaginati, ma approfittiamo di questo momento perché siamo finalmente riuniti. Questo sentimento di unità è la luce in fondo al tunnel di questa pandemia” ha dichiarato il presidente del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) Thomas Bach durante il suo discorso inaugurale.

La tribune dello stadio olimpico di Tokyo possono, in tempi normali, accogliere fino a 68'000 spettatori, ma oggi sono rimaste quasi vuote, ad eccezione della presenza di alcuni membri della stampa e qualche invitato speciale (un migliaio di persone in tutto). Tra i “VIP” anche il presidente della Confederazione Guy Parmelin, il capo di Stato francese Emmanuel Macron e la first lady statunitense Jill Biden.

Gli atleti rossocrociati, anche loro in comitato ridotto Keystone / Laurent Gillieron

I portabandiera elvetici (da quest’anno è un ruolo infatti affidato a un binomio uomo-donna) sono stati Mujinga Kambundji e Max Heinzer; dietro di loro una ventina di atlete e atleti (sono in totale 110 quelli che competeranno ai Giochi).

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.