Navigation

"I bilaterali sono irrinunciabili per l'industria svizzera"

Pubblicato lo studio di Swissmem sull'importanza del mercato europeo per l'industria metalmeccanica ed elettrica

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 giugno 2015 - 14:25

5500 nuovi posti di lavoro. E' quanto riusciranno a creare l'industria metalmeccanica, elettronica e metallurgica nei prossimi 10 anni. A patto però che la Svizzera riesca a mantenere in vita gli accordi bilaterali con l'Unione europea, accordi che SwissmemLink esterno, l'associazione mantello delle tre industrie in questione, ritiene imprenscindibili.

Secondo lo studio, gli accordi bilaterali sono dunque di primaria importanza non solo per il settore qui in questione, ma anche per l'intero polo produttivo svizzero. Già colpita dall'abbandono del cambio minimo tra euro e franco, l'industria metalmeccanica ed elettrica teme le conseguenze dell'approvazione dell'iniziativa sull'immigrazione di massa del febbraio del 2014.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.