Navigation

Washington riunisce i suoi alleati per armare l'Ucraina

La Germania ha deciso di inviare all'Ucraina semoventi contraerei Gepard. Keystone / Carsten Rehder

I rappresentanti di oltre 40 Paesi, non solo della Nato, si sono riuniti martedì nella base americana di Ramstein, in Germania, per creare un fronte comune di aiuto militare all'Ucraina. La Russia minaccia rappresaglie.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 aprile 2022 - 20:57
tvsvizzera.it/mar con AFP

Gli Stati Uniti sono pronti a "smuovere cielo e terra" per far vincere l'Ucraina contro la Russia, ha dichiarato martedì il capo del Pentagono Lloyd Austin in una riunione con i suoi alleati in Germania.

"L'Ucraina crede chiaramente di poter vincere e lo stesso vale per tutti gli altri presenti qui", ha detto il segretario alla difesa degli Stati Uniti all'apertura della riunione a cui hanno partecipato i rappresentanti di circa 40 paesi alla base aerea di Ramstein. Obiettivo dell'incontro è di accelerare le consegne di materiale bellico all'Ucraina.

Gli Stati Uniti e i loro alleati (a Ramstein erano presenti anche i rappresentanti di Paesi che non fanno parte della Nato, come Finlandia, Svezia, Giappone, Corea del Sud, Israele o Qatar) si incontreranno ora mensilmente per discutere su come rafforzare le capacità militari ucraine, ha aggiunto Austin dopo la riunione.

Contenuto esterno

Gli ucraini stanno affrontando continui bombardamenti e una lenta avanzata dell'esercito russo nel Donbass, che i separatisti filorussi controllano in parte dal 2014, e nel sud del Paese. L'esercito russo ha dichiarato che il suo obiettivo è di prendere il pieno controllo di entrambe le regioni.

Armi offensive

Dopo un'iniziale riluttanza a fornire armi offensive all'Ucraina, gli Stati Uniti, nonché la Gran Bretagna, la Francia e la Repubblica Ceca, hanno ora compiuto il grande passo. Anche la Germania, che era stata particolarmente riluttante, ha annunciato martedì che autorizzerà la consegna di semoventi antiaerei Gepard.

Contenuto esterno

Secondo l'esperto di artiglieria Mike Jacobson, interpellato dall'Agence France Presse (AFP), l'Occidente vuole permettere agli ucraini di reagire ai bombardamenti russi a lungo raggio, che mirano a spingere indietro il grosso delle forze ucraine per poi inviare carri armati e soldati ad occupare il terreno.

Più in generale, "vogliamo vedere la Russia così indebolita da non poter più fare il tipo di cose che ha fatto quando ha invaso l'Ucraina", ha dichiarato Llyond Austin lunedì.

Attacchi russi

In attesa della consegna di queste armi, la situazione sul fronte del Donbass è complicata e "in termini di morale, non è affatto rosea", ha indicato all'AFP Iryna Rybakova, un addetto stampa della 93a brigata ucraina. Diverse città come Izum e Kreminna sono cadute nelle ultime due settimane e l'esercito russo continua a rosicchiare terreno.

Nelle regioni del Donbass e nel sud, "il nemico sta effettuando attacchi alle nostre posizioni ungo tutta la linea del fronte con mortai, artiglieria e lanciarazzi multipli", ha affermato il ministero della difesa ucraino su Telegram martedì.

Nel sud, due missili russi hanno colpito la città di Zaporizhia martedì mattina, uccidendo almeno una persona e ferendone un'altra, e colpendo un'azienda non specificata, secondo l'amministrazione regionale. La città, un importante centro industriale sul fiume Dnepr, nelle ultime settimane è stata un punto di sosta per i civili ucraini in fuga da Mariupol assediata e da altre città bombardate nel Donbass. Ma ora si sta preparando per un attacco russo dalla costa, secondo Kiev.

A Mariupol, la situazione sembra essere bloccata: circa 100'000 civili sono ancora intrappolati lì, secondo Kiev. Le forze russe continuano a martellare il vasto complesso metallurgico di Azovstal, dove sono trincerati gli ultimi combattenti ucraini, insieme a, dicono, quasi 1'000 civili.

Livello di radioattività "entro i limiti normali"

Zaporizhia è vicina alla più grande centrale nucleare dell'Ucraina, la cui situazione è strettamente monitorata dall'Agenzia Internazionale dell'Energia Atomica (AIEA).

Il suo responsabile Rafael Grossi, che era in visita a Chernobyl martedì per il 36° anniversario del disastro nucleare del 1986, ha sottolineato che il livello di radioattività è tornato "entro limiti normali". Tuttavia, la situazione durante l'occupazione da parte russa tra fine febbraio e fine marzo è stata "molto, molto pericolosa".

Contenuto esterno

A Kiev, risparmiata dal 17 aprile scorso dai bombardamenti russi, il municipio ha demolito martedì un monumento dell'epoca sovietica che celebra l'amicizia ucraino-russa. "Otto metri di metallo della cosiddetta 'amicizia dei due popoli' smantellata. E ciò che è simbolico (...) la testa del lavoratore russo è caduta", ha dichiarato su Telegram il sindaco della capitale ucraina, Vitali Klitschko.

Antonio Guterres a Mosca

È in questo contesto che il segretario generale delle Nazioni Unite si trovava a Mosca martedì, per la sua prima visita nella capitale russa dall'inizio del conflitto. "Ho proposto la creazione di un gruppo di contatto che riunisca Russia, Ucraina e Nazioni Unite per cercare delle possibilità di aprire corridoi umanitari", ha detto Antonio Guterres, durante una conferenza stampa con il capo della diplomazia russa, Sergei Lavrov.

"Abbiamo urgente bisogno" di tali corridoi di evacuazione civile "veramente sicuri ed efficaci", ha aggiunto. Guterres ha anche detto di essere pronto a "mobilitare pienamente" le risorse per "salvare vite" a Mariupol.

Sergei Lavrov ha da parte sua dichiarato che la Russia vuole "proteggere i civili" ed è "pronta a cooperare con i nostri colleghi delle Nazioni Unite per alleviare la sofferenza dei civili".

Contenuto esterno

Le minacce russe

In una conversazione telefonica con il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato martedì che "le autorità di Kiev devono assumersi le loro responsabilità politiche e, guidate da principi umanitari, dare l'ordine di deporre le armi" ai combattenti, secondo il Cremlino.

Reagendo alla riunione organizzata a Ramstein, il ministero della difesa russo ha poi minacciato attacchi contro "le linee di rifornimento" ucraino nei Paesi della Nato che forniscono armi a Kiev e ha promesso "rappresaglie" se la Russia verrà attaccata con armi occidentali. "Raid proporzionati contro i centri decisionali a Kiev, dove si trovano i consiglieri occidentali", ha ammonito Mosca.

Appello alla calma in Moldavia

I colloqui russo-ucraini sembrano più che mai a un punto morto. Mentre Lavrov ha accusato lunedì il presidente ucraino Volodymyr Zelensky di "fingere" di negoziare, la sua controparte statunitense Blinken ha detto martedì che Vladimir Putin non ha mostrato alcuna "serietà" nelle sue intenzioni di trattare con l'Ucraina.

E la minaccia di un'estensione del conflitto rimane. La preoccupazione sta crescendo in Moldavia, a sud dell'Ucraina, dopo una serie di esplosioni lunedì e martedì nella regione separatista della Transnistria, sostenuta da Mosca.

"Chiediamo ai nostri cittadini di rimanere calmi", ha detto il presidente moldavo Maia Sandu dopo aver convocato il suo consiglio di sicurezza nazionale. "Questo è un tentativo di aumentare le tensioni. Le autorità moldave faranno in modo che la repubblica non sia trascinata in un conflitto", ha aggiunto, annunciando maggiori controlli sui trasporti e pattugliamenti alle frontiere.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?