Navigation

Un altro afroamericano ucciso dalla polizia a Charlotte

tvsvizzera

La comunità nera insorge, scontri con gli agenti che causano il ferimento di almeno 12 persone

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 settembre 2016 - 12:45

"No giustizia, no pace! La vita dei neri conta", questo uno degli slogan scanditi dai dimostranti scesi in strada martedì sera a Charlotte (USA) per protestare dopo l'uccisione, da parte di un agente, di un afroamericano. L'uomo, disarmato secondo i testimoni e armato secondo le forze dell'ordine, è stato freddato da un colpo di pistola dopo una lite con il poliziotto, sentitosi minacciato dalla vittima. La comunità nera è insorta e in breve tempo la situazione è degenerata. Il primo bilancio degli scontri è di 12 agenti feriti, ma la stampa locale parla di vittime anche fra i civili.

"Black lives matter" Twitter

Il poliziotto che ha sparato, messo ora in congedo retribuito, era sulle tracce di un ricercato con alcuni colleghi. A fatica le forze dell'ordine, in tenuta antisommossa, sono riuscite a disperdere la folla, aiutandosi con granate lacrimogene. Il sindaco della città ha invitato tutti a mantenere la calma e ha assicurato che verranno svolte indagini accurate.

Domenica scorsa, a Tulsa, un altro afroamericano era stato ucciso accanto a un suv.

Il Tweet del dipartimento di polizia di Charlotte-Mecklenberg Twitter

Reuters/CaL

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.