Navigation

Cosa frullava in testa ai primi computer

All'inizio degli anni Settanta, 'Telescuola' propose quattro lezioni per spiegare a cosa servisse un calcolatore. I computer di allora erano decisamente diversi dai futuri pc e come supporto principale impiegavano ancora le schede perforate. Ma mettevano già in luce l'enorme potenziale dell'elaborazione elettronica dei dati.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 febbraio 2020 - 15:00
tvsvizzera.it/ri con RSI (Teche)
Il calcolatore allora in dotazione all'Ufficio tassazione (nella scanalatura-cassetto al centro venivano poste le schede perforate da leggere). RSI-SWI

La trasmissione Telescuola era nata nel 1962, un anno dopo l'apertura di studi della Radiotelevisione svizzera di lingua italiana a Lugano. Per trent'anni propose a insegnanti e studenti filmati divulgativi su temi di storia, scienze naturali, geografia e civica., fino a che la sua formula non tramontò, poco prima dell'avvento del web.

RSI-SWI

A sottolineare il carattere didattico, l'insegnante alla lavagna che si vede nella prima parte di questa video-lezione. Per descrivere il potenziale dei computer, mostra come il calcolo della velocità oraria media sul giro in una gara automobilistica -che una persona effettua in tre minuti- possa diventare istantaneo con il computer.

Si passa poi alle applicazioni amministrative e commerciali. All'ufficio tassazioni, apposite addette trascrivono le cifre della dichiarazione dei redditi su schede perforate (in seguito controllate da verificatrici). Lo stesso accade all'azienda elettrica comunale con i dati della lettura dei contatori, prima che gli analisti e i programmatori possano curare l'elaborazione elettronica dei dati, che consentirà una corretta fatturazione.

La perforatrice era una figura professionale indispensabile. Su scheda perforata venivano registrati sia i dati, sia i programmi eseguiti dal computer. RSI-SWI

Telescuola fa inoltre visita a quello che era, allora, l'unico centro privato di elaborazione di dati della Svizzera italiana. Tra i suoi clienti, presi come esempio per questa video-lezione, un negozio di abbigliamento e un'autofficina, ai quali il computer torna utile non solo per la contabilità ma anche per compilare statistiche di mercato e gestire l'inventario.

Registratore di cassa e telefono sono vecchio stile. Le etichette dei vestiti no. RSI-SWI

Il segreto sta in un'etichetta perforata divisa in due: una parte viene conservata e una volta accumulato un certo numero di schede i dati sono riversati su nastro.

Così come esistono già i supporti magnetici, esiste per i clienti la possibilità di collegarsi in remoto al centro di elaborazione attraverso una linea telefonica. 

E il vantaggio della macchina sull'uomo non è solo la "sbalorditiva rapidità", ma anche la capacità di servire contemporaneamente più utenti.


Contenuto esterno

Le quattro puntate de 'Il computer, una realtà', di Giovanni Zamboni e Francesco Canova, furono trasmesse dalla RSILink esterno nell'ambito Telescuola tra il 2 e il 23 ottobre del 1972.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.