Navigation

Cuccioli di capriolo salvi grazie ai droni

Grazie alle perlustrazioni con droni prima di falciare i campi, sono stati messi in salvo centinaia di cuccioli. RSI-SWI

Nei Grigioni, tra la fine di maggio e l'inizio di luglio, 448 cuccioli di capriolo sono stati salvati dalle lame delle falciatrici grazie alle perlustrazioni con i droni. Si tratta di un progetto pilota promosso da agricoltori e cacciatori, che dal prossimo anno intendono estendere l'intervento a più regioni del Cantone.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 agosto 2019 - 20:50
tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano del 22.08.2019)

Per coprire i costi di volo dei 19 droni e la breve formazione di 150 piloti, in buona parte reclutati tra i cacciatori, sono stati stanziati 100'000 franchi.

Adrian Arquint, capo Ufficio per la caccia e la pesca dei Grigioni, rivela che il cantone si è già posto un problema di ottimizzazione. "Per l'anno prossimo dobbiamo sicuramente chiederci se abbiamo effettivamente bisogno di così tanti droni e piloti, se non possiamo ridurli a favore dell'efficienza".

Resta l'importanza di questo progetto di protezione dei piccoli animali, che in primavera vengono nascosti dalle madri nei campi, ma invece di un rifugio sicuro trovano spesso una trappola mortale.

Contenuto esterno

I nuovi strumenti saranno complementari ai vecchi metodi dei contadini, che dispongono spaventapasseri nei campi la sera prima di falciare, per cercare di evitare che i cuccioli vengano nascosti proprio lì.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.