Navigation

Violenze sugli anziani, migliorare la prevenzione

Nell’ultimo decennio i casi denunciati, afferma Pro Senectute Svizzera sono raddoppiati, da 3'600 a 7'000. Christof Schuerpf

Quasi mezzo milione di pensionati sono vittime di maltrattamenti e abusi ogni anno in Svizzera. Alla luce di ciò Pro Senectute, in occasione dell'odierna Giornata internazionale delle persone anziane, lancia un appello al mondo politico per affrontare questo tema tabù e migliorare la prevenzione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 ottobre 2021 - 21:10
tvsvizzera.it/fra

Il numero di questi episodi di violenza segnalati in Svizzera è raddoppiato negli ultimi dieci anni, indica in una nota l'associazione. Per paura o per vergogna, solo una parte delle vittime denuncia i fatti alle autorità. Secondo Pro Senectute, quasi un terzo degli anziani ha subito almeno una volta nella vita un maltrattamento.

Lo sviluppo per esempio delle cure a domicilio e dei servizi di assistenza giocano un ruolo chiave nella prevenzione, sottolinea l'organizzazione. Molte persone però non hanno i mezzi per ricorrere a questi servizi, in quanto non sono coperti dall'assicurazione malattia di base.

Per Pro Senectute ciò deve cambiare: tali cure devono essere almeno parzialmente finanziate. Inoltre, è fondamentale avere in tutte le regioni del Paese la possibilità di segnalare casi di violenza o circostanze sospette. L'associazione invita quindi i politici a fare di più e a prendere un impegno chiaro per impedire le sofferenza nell'ultima fase della vita.

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.