Navigation

Ecco chi sostiene gli anziani durante la pandemia

© Keystone / Christian Beutler

Le persone anziane sono le più colpite dalla pandemia di nuovo coronavirus: non solo per quanto riguarda la salute, ma perché più di altri hanno dovuto subire i contraccolpi di una vita cambiata tutta d'un tratto.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 dicembre 2020 - 15:35
Ludovico Camposampiero, RSI News

In Ticino e nel Moesano (una delle regioni dei Grigioni di lingua italiana), possono contare sul sostegno di Pro SenectuteLink esterno, che attraverso una rete di circa 1'000 persone, fra dipendenti e volontari, veglia sul benessere di circa 17’000 utenti.

Quest’anno la sezione italofona ha compiuto cent’anni: un anniversario passato un po’ in sordina a causa degli eventi. Nonostante le molte difficoltà, la pandemia ha però portato anche qualche insegnamento: “Abbiamo imparato ad agire nell'urgenza, a rispondere ai bisogni delle persone in pochissimo tempo”, ci spiega infatti Laura Tarchini, responsabile del settore comunicazione.

Fra i servizi più apprezzati forniti dalla fondazione, spicca quello dei pasti a domicilio: nel 2019 sono stati 400'000, quest’anno, complice il semi confinamento, si supererà quota 500'000.

Pro Senectute, durante questa seconda ondata, ha pure rilanciato il servizio di spesa a domicilio, dedicato però agli anziani che vivono da soli.

Il servizio:

Contenuto esterno

tvsvizzera.it

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.