Navigation

Truffe milionarie ai danni degli anziani

Un quarto delle persone sopra i 55 anni in Svizzera negli ultimi cinque anni ha subito un abuso finanziario e un quinto un danno conseguente a tale abuso. In totale, le perdite ammontano a oltre 400 milioni di franchi, secondo uno studio condotto da Pro Senectute.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 ottobre 2018 - 08:21
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Gli abusi finanziari sono variati: si va dal classico furto negli spazi pubblici (155'066 vittime con perdite finanziarie negli ultimi cinque anni), al furto di un prelievo al bancomat (62'457), passando per sconosciuti che chiedono denaro con un falso pretesto (60'304) e arrivando fino a falsi annunci su Internet (47'381) e invii di prodotti non ordinati (38'767). 

Ad essere colpito dagli abusi è per la precisione il 28,2% degli uomini e il 23,3% delle donne. La quota più elevata di casi si registra nella Svizzera romanda (36,5%), seguita dalla Svizzera tedesca (22,8%) e, più distante, dalla Svizzera italiana (11,7%).

La categoria più colpita è quella di età compresa fra i 55 e i 64 anni, seguita dagli over 85. Il 61% delle vittime non parla a nessuno di quanto avvenuto. "L'ampiezza delle perdite finanziarie ci ha stupiti", ha dichiarato Werner Schärer, direttore di Pro Senectute, citato in un comunicato. "Le conoscenze acquisite ci permetteranno di fornire informazioni ancora più mirate sul come premunirsi efficacemente contro gli abusi". 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.