La televisione svizzera per l’Italia

Vendite d’armi: il Governo svizzero deve disporre di più margine di manovra

carro armato
Un mese fa, dopo lunghe discussioni, il Governo svizzero ha autorizzato la vendita di 25 carri armati Leopard 2 alla Germania. Ora il Parlamento vorrebbe allentare le norme che regolano le esportazioni di materiale bellico dalla Svizzera. © Keystone / Peter Schneider

Il Parlamento elvetico ha approvato lunedì una mozione che autorizza il Consiglio federale a derogare ai criteri di autorizzazione per le vendite di materiale bellico.

Il Consiglio federale deve avere un certo margine di manovra nell’autorizzare le esportazioni di armi, anche verso Paesi che non rispettano i diritti umani. È quanto prevede una mozioneCollegamento esterno adottata lunedì dal Consiglio nazionale con 117 voti contro 74.

Secondo il testo, che emana dalla Camera dei Cantoni, il Governo può “derogare ai criteri di autorizzazione […] in presenza di eventi straordinari e se lo impone la salvaguardia degli interessi di politica estera o di politica di sicurezza del Paese”.

La situazione geopolitica globale è cambiata notevolmente, ha sostenuto la deputata liberale radicale Jacqueline de Quattro. “Il rischio di escalation è reale”, ha sottolineato. Il Consiglio federale deve quindi disporre di un potere derogatorio e di una “certa flessibilità”.

Thomas Rechsteiner, del Centro, ha aggiunto che non si tratta di dare al Governo un assegno in bianco, ma di stabilire un quadro chiaro. Le basi legali che regolano l’esportazione di materiale bellico e gli impegni assunti dalla Svizzera nell’ambito del diritto pubblico internazionale continueranno ad essere applicate, ha assicurato il ministro dell’economia Guy Parmelin.

Contenuto esterno

Un partner affidabile

Intervenendo a nome della commissione, l’esponente dell’Unione democratica Jean-Luc Addor ha sottolineato che la modifica legislativa dovrebbe anche consentire di tenere maggiormente conto della necessità di mantenere in Svizzera una capacità industriale adeguata alle esigenze della difesa, aggiungendo che la questione delle riesportazioni di armi è diversa.

La Svizzera deve essere vista come un partner affidabile sulla scena internazionale, ha aggiunto Addor. Parmelin ha citato contratti internazionali per aerei da combattimento e sistemi di difesa aria-terra. “Le misure di ritorsione potrebbero mettere a repentaglio la sicurezza della Svizzera”.

Alla luce delle crescenti tensioni nel mondo, la Svizzera deve disporre di uno strumento che le consenta di reagire rapidamente alle nuove realtà geopolitiche e di sicurezza”, ha aggiunto il ministro dell’economia.

Ciò vale in particolare se i partner della Svizzera, come gli Stati Uniti, la Francia, la Germania o l’Italia, dovessero essere coinvolti in un conflitto armato internazionale. Le attuali disposizioni di legge vieterebbero tutte le esportazioni di materiale bellico.

“Inaccettabile” per la sinistra

Una minoranza (composta da sinistra e Partito verde liberale) si è opposta invano alla mozione, definendo antidemocratico proporre cambiamenti al controprogetto all’iniziativa popolare “Contro l’esportazione di armi in Paesi teatro di guerre civili (Iniziativa correttiva)”, approvato appena due anni fa. All’epoca, durante la stesura del controprogetto il Parlamento aveva abbandonato l’idea di una deroga e l’iniziativa era stata ritirata.

Il passo odierno è stato definito “inaccettabile” dall’ecologista Fabien Fivaz. “È disonesto approfittare delle circostanze e della solidarietà della popolazione con l’Ucraina per chiedere una modifica della legge che non aiuta l’Ucraina, ma aiuta l’industria bellica”, ha dal canto suo affermato la socialista Priska Seiler Graf. L’emendamento alla legge non consentirebbe comunque alla neutrale Svizzera di fornire materiale bellico direttamente all’Ucraina.

“Consegneremo armi a Paesi che violano sistematicamente i diritti umani”, ha criticato la verde liberale Melanie Mettler.

Attualità

carro armato

Altri sviluppi

Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al Malgrado le condanne giunte da tutto il mondo dopo l'attacco di domenica notte, nel quale sono morti decine di civili, l'esercito israeliano prosegue le operazioni nel sud della Striscia di Gaza.

Di più Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Altri sviluppi

Un alunno su sei è in sovrappeso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il sovrappeso e l'obesità rimangono una sfida per i bambini e gli adolescenti. Secondo un monitoraggio che si riferisce all'anno scolastico 2022/23, un alunno su sei ha problemi con la bilancia.

Di più Un alunno su sei è in sovrappeso

Altri sviluppi

Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al Secondo un sondaggio in Svizzera quasi un terzo della popolazione ha già vissuto liti con il vicinato. I motivi più comuni sono l'eccesso di rumori, problemi con la lavanderia, infrazioni delle regole sui posteggi e diatribe riguardanti la proprietà di terreni.

Di più Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio
bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente
Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR