Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Ufficio federale di statistica Svizzera, terra di musei

Sono 1'111 i musei in Svizzera e visitarli è un’attività molto apprezzata nel paese. Circa un quarto dei comuni nella Confederazione ha questo genere di struttura mentre solo il 7% ha almeno un cinema. La prima pubblicazione dell'Ufficio federale di statistica (UST) sul panorama museale svizzero è stata diffusa martedì, uno studio dal quale emergono dati sorprendenti. Ne abbiamo discusso con Gianna Mina, la presidente dell'Associazione dei musei svizzeri (AMS).

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I 1'111 musei elvetici sono stati visitati nel 2015 da 12,1 milioni di persone. È quanto emerso dallo studio pubblicato martedì dall'Ufficio federale di statisticaLink esterno. Sono dati incoraggianti, secondo Gianna Mina, presidente dell'Associazione dei musei svizzeriLink esterno.

"Non vogliono dire che i musei si trovano su una barca d’oro, ma dimostrano che l'istituzione museo, con le sue sfaccettature e i suoi compiti, è presa sul serio", ha spiegato a tvsvizzera.it.

Particolarmente interessante è l'alta densità di queste strutture sul territorio, in particolare nella Svizzera italiana, dove si contano 25 musei ogni 100'000 abitanti (contro i 13 della Svizzera tedesca e gli 11 di quella francese).

Inoltre la quasi totalità dei musei ha offerto visite guidate. "Questo è uno sforzo enorme che contraddice il pregiudizio che aleggia sui musei: che siano elitari, polverosi e non si occupino del pubblico", dice Gianna Mina.

Gli svizzeri preferiscono passeggiare per le sale di un museo piuttosto che andare al cinema, a teatro o a un concerto, ed è un fenomeno che interessa tutte le fasce d’età, con l’eccezione degli “over 75” per i quali è forse più difficile raggiungere le strutture più discoste.

Ai "grandi" la fetta più grande

Dallo studio è emerso che le 49 istituzioni museali più frequentate (più di 50'000 visitatori all'anno), rappresentano solo il 4% di quelle presenti sul territorio elvetico, ma totalizzano da sole quasi la metà degli ingressi totali (6,7 milioni). Quasi tre quarti dei musei in Svizzera, infatti, non arrivano a 5'000 visitatori all’anno.

Tuttavia, seconda Gianna Mina, l’esistenza delle piccole realtà, almeno per il momento, non è a rischio. “Lo sarebbe se si prendesse in considerazione solo la visibilità e le entrate. Ma non vanno fatti solo calcoli economici, ma anche di federalismo e culturali”.

In più, spiega, a difendere le piccole istituzioni sono quelle grandi. La capillarità dei piccoli musei, secondo la presidente di AMS, aiuta la gente ad avvicinarsi alla cultura e abituarsi alle visite e questo è un vantaggio per tutti.

Spesso nati per volontà di una comunità, non sono imposti dall’alto e costano poco; i piccoli musei sono un’antenna della diversità culturale svizzera e, assieme ai loro illustri “fratelli maggiori”, si prendono cura di un enorme patrimonio culturale, che va protetto e studiato.

(3)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Grande successo delle scienze naturali

3,3 dei 12,1 milioni di ingressi registrati nel 2015 sono stati nei musei d’arte. Sono stati tuttavia i musei di scienze naturali quelli che hanno riscontrato il numero medio d'entrate più alto, con oltre 24’000 ingressi per museo, seguiti dai quelli d’arte (19’500) e quelli di archeologia storia ed etnografia (18’000). Il numero medio di ingressi più basso, circa 1’800, è quello dei musei regionali e locali.

(2)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Relazioni transfrontaliere

Gianna Mina è anche direttrice del museo Vincenzo VelaLink esterno, a Ligornetto, vicino al confine italo-svizzero, e ci spiega che la scelta del tipo di museo varia molto anche a seconda della provenienza del pubblico. Mentre il visitatore svizzerotedesco ha una gamma più alta di luoghi che frequenta e va cercare anche i piccoli musei etnografici, il visitatore italiano ha predilezione per i musei d’arte.

Le collaborazioni fra istituzioni da una parte e dall’altra del confine non sono facili, a causa delle diverse legislature. Tuttavia, spiega Gianna Mina, diventano sempre più frequenti gli scambi di pubblico, e le scolaresche italiane, ad esempio, sfruttano bene la realtà svizzera. 

tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 18.04.2017)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×