Navigation

Mendrisio, inaugurato il museo dei trasparenti

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 16 aprile 2017 - 10:54
tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano del 11.04.2017)

È stato inaugurato martedì a Mendrisio il nuovo Museo dei trasparenti, ovvero le raffigurazioni sacre che a Pasqua, retroilluminate, decorano le vie del borgo e accompagnano i figuranti durante le processioni storiche del giovedì e venerdì santo.

Le icone, finora, prendevano vita una volta l’anno. D’ora in poi, una trentina di essere saranno visibili sempre, presso Casa Croci. Una vetrina sulla tradizione. Un’offerta culturale in più per l’intera regione.

Un primo passo per valorizzare queste opere su tela realizzate con un’antica tecnica. “È una tecnica unica”, spiega la storica dell’arte Anastasia Gilardi. “Probabilmente se l’è inventata il Giovan Battista Bagutti, il primo pittore dei trasparenti, ispirandosi forse alle tecniche romane”.

“Sono dipinti su tela esausta, ovvero una tela che è stata un po’ consumata proprio per rendere più trasparente la superficie, una serie di pochissimi colori compatibili, e infine la cera che veniva messa per renderli impermeabili, perché stanno fuori tre o quattro settimane ogni anno”.
 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.