La televisione svizzera per l’Italia

Uccisi probabilmente per errore terroristi individuati online

Tre militanti jihadisti armati.
Individuazione di terroristi problematica. KEYSTONE

Sono spesso infondate, indica una ricerca condotta a Ginevra, le informazioni desunte dalla rete per combattere il fenomeno terroristico.

L’eliminazione di terroristi identificati online è problematica per il diritto internazionale e fonte di probabili errori, secondo quanto rivela uno studio condotto all’Università di Ginevra

L’analisi dei social network, scrivono le persone autrici di questa ricerca pubblicata sul Journal of Conflict and Security Law, “non dovrebbe essere lo strumento predominante, o addirittura l’unico, utilizzato per decisioni definitive come l’eliminazione fisica”.

Una conclusione cui è giunto un team di ricercatori e ricercatrici – esaminando un insieme di rapporti accademici e di articoli di storici, avvocati e giornalisti – che ha valutato la frequenza, le modalità e gli scopi dell’analisi delle reti sociali nelle operazioni antiterrorismo.

Incongruenze a livello di norme

Dagli attentati dell’11 settembre 2001 negli Stati Uniti, tali operazioni sono state spesso equiparate – in termini legali – ai conflitti internazionali. Ma, come sottolinea il coautore dello studio Michael Moncrieff, combattere Al-Qaida in Afghanistan o il gruppo dello Stato islamico (IS) in Siria non è la stessa cosa di un conflitto tradizionale.

+ La ‘guerra al terrorismo’ e le lacune di conformità delle aziende svizzere

Il diritto internazionale umanitario richiede infatti che si sappia con chi si ha a che fare, soprattutto quando si tratta di uccidere qualcuno. Esso stabilisce una distinzione fondamentale tra le forze combattenti, che sono le sole a poter essere legalmente prese di mira, e gli altri.

In effetti, alcuni gruppi cosiddetti terroristici soddisfano i criteri di un “gruppo armato organizzato”, spiega il ricercatore, e possono quindi essere considerati impegnati in un conflitto armato.

Non bastano gli interventi sui social media

La questione diventa spinosa quando l’analisi delle reti sociali viene utilizzata per colmare una lacuna informativa. L’appartenenza di un individuo a un determinato gruppo viene quindi stabilita in base al tipo di relazione o alla frequenza dei contatti con un particolare terrorista, noto o sospetto.

Da un punto di vista legale, tali criteri di prossimità sono però insufficienti per incriminare un individuo, affermano gli autori. “Anche se qualcuno ha ripetuti contatti online con un terrorista, ciò non lo rende necessariamente un membro del gruppo”, afferma Michael Moncrieff.

Azioni letali condotte da droni

L’analisi delle reti sociali è considerata particolarmente problematica se viene utilizzata per guidare operazioni letali, come quelle condotte con droni: secondo alcuni esperti/e, il 90% degli attacchi con questi apparecchi si basa almeno in parte su queste indagini. Diverse testimonianze tendono a dimostrare che gli errori in simili situazioni sono stati relativamente frequenti, soprattutto in Afghanistan.

+ La legge contro il terrorismo, un abuso o una necessità?

Allo stesso modo, le testimonianze provenienti da una serie di studi indicano che a volte bastano pochi dati approssimativi desunti dal web affinché un individuo venga designato come terrorista e successivamente eliminato.

Questo non significa però, come sottolinea il team di ricerca, che queste analisi debbano essere evitate nella lotta al terrorismo.

Possono essere molto utili per comprendere gli aspetti organizzativi dei gruppi terroristici, anticipare le loro azioni o determinare le reti dei collaboratori.

Attualità

Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori
binari in tunnel

Altri sviluppi

Tunnel di base del San Gottardo, sostituiti sette chilometri di binari

Questo contenuto è stato pubblicato al Dall'inizio dei lavori di riparazione lo scorso ottobre, sono stati sostituiti sette chilometri di binari nel tunnel ferroviario di base del San Gottardo ed è attualmente in corso l'installazione di un nuovo portone di cambio binario, indicano le FFS.

Di più Tunnel di base del San Gottardo, sostituiti sette chilometri di binari
dottoressa esamina orecchio di una paziente

Altri sviluppi

Entro il 2033 mancheranno più di 2’300 medici in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Nei prossimi 10 anni la medicina interna generale perderà il 44% degli impieghi a tempo pieno principalmente a causa dei pensionamenti e della riduzione dei tassi di occupazione.

Di più Entro il 2033 mancheranno più di 2’300 medici in Svizzera
maxi schermo

Altri sviluppi

La Cina fa ancora la voce grossa attorno a Taiwan

Questo contenuto è stato pubblicato al A tre giorni dall'insediamento alla presidenza dell'isola di William Lai, ritenuto da Pechino un "pericoloso separatista", l'esercito cinese ha mobilitato aerei e navi da guerra per delle esercitazioni al largo di Taiwan.

Di più La Cina fa ancora la voce grossa attorno a Taiwan
Tino Chrupalla,

Altri sviluppi

L’AFD espulsa dal gruppo Identità e democrazia al Parlamento europeo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Alternative für Deutschland è stato espulso dal gruppo che riunisce, tra gli altri, la Lega e il Rassemblement National di Marine Le Pen. Il partito di estrema destra tedesco è finito sotto i riflettori per una serie di scandali.

Di più L’AFD espulsa dal gruppo Identità e democrazia al Parlamento europeo

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR