La televisione svizzera per l’Italia

Uccisi probabilmente per errore terroristi individuati online

Tre militanti jihadisti armati.
Individuazione di terroristi problematica. KEYSTONE

Sono spesso infondate, indica una ricerca condotta a Ginevra, le informazioni desunte dalla rete per combattere il fenomeno terroristico.

L’eliminazione di terroristi identificati online è problematica per il diritto internazionale e fonte di probabili errori, secondo quanto rivela uno studio condotto all’Università di Ginevra

L’analisi dei social network, scrivono le persone autrici di questa ricerca pubblicata sul Journal of Conflict and Security Law, “non dovrebbe essere lo strumento predominante, o addirittura l’unico, utilizzato per decisioni definitive come l’eliminazione fisica”.

Una conclusione cui è giunto un team di ricercatori e ricercatrici – esaminando un insieme di rapporti accademici e di articoli di storici, avvocati e giornalisti – che ha valutato la frequenza, le modalità e gli scopi dell’analisi delle reti sociali nelle operazioni antiterrorismo.

Incongruenze a livello di norme

Dagli attentati dell’11 settembre 2001 negli Stati Uniti, tali operazioni sono state spesso equiparate – in termini legali – ai conflitti internazionali. Ma, come sottolinea il coautore dello studio Michael Moncrieff, combattere Al-Qaida in Afghanistan o il gruppo dello Stato islamico (IS) in Siria non è la stessa cosa di un conflitto tradizionale.

+ La ‘guerra al terrorismo’ e le lacune di conformità delle aziende svizzere

Il diritto internazionale umanitario richiede infatti che si sappia con chi si ha a che fare, soprattutto quando si tratta di uccidere qualcuno. Esso stabilisce una distinzione fondamentale tra le forze combattenti, che sono le sole a poter essere legalmente prese di mira, e gli altri.

In effetti, alcuni gruppi cosiddetti terroristici soddisfano i criteri di un “gruppo armato organizzato”, spiega il ricercatore, e possono quindi essere considerati impegnati in un conflitto armato.

Non bastano gli interventi sui social media

La questione diventa spinosa quando l’analisi delle reti sociali viene utilizzata per colmare una lacuna informativa. L’appartenenza di un individuo a un determinato gruppo viene quindi stabilita in base al tipo di relazione o alla frequenza dei contatti con un particolare terrorista, noto o sospetto.

Da un punto di vista legale, tali criteri di prossimità sono però insufficienti per incriminare un individuo, affermano gli autori. “Anche se qualcuno ha ripetuti contatti online con un terrorista, ciò non lo rende necessariamente un membro del gruppo”, afferma Michael Moncrieff.

Azioni letali condotte da droni

L’analisi delle reti sociali è considerata particolarmente problematica se viene utilizzata per guidare operazioni letali, come quelle condotte con droni: secondo alcuni esperti/e, il 90% degli attacchi con questi apparecchi si basa almeno in parte su queste indagini. Diverse testimonianze tendono a dimostrare che gli errori in simili situazioni sono stati relativamente frequenti, soprattutto in Afghanistan.

+ La legge contro il terrorismo, un abuso o una necessità?

Allo stesso modo, le testimonianze provenienti da una serie di studi indicano che a volte bastano pochi dati approssimativi desunti dal web affinché un individuo venga designato come terrorista e successivamente eliminato.

Questo non significa però, come sottolinea il team di ricerca, che queste analisi debbano essere evitate nella lotta al terrorismo.

Possono essere molto utili per comprendere gli aspetti organizzativi dei gruppi terroristici, anticipare le loro azioni o determinare le reti dei collaboratori.

Attualità

Manifestanti eritrei sulla Piazza federale.

Altri sviluppi

Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le e i partecipanti hanno contestato a Berna i ventilati respingimenti verso Stati terzi e l'obbligo del passaporto per l'ottenimento del permesso di soggiorno.

Di più Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera
Due pompieri osservano la portata del Rodano nei pressi di Sierre.

Altri sviluppi

Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Nonostante il lieve calo delle acque del Rodano e dei suoi affluenti, il livello di allarme e lo stato d'emergenza non vengono revocati.

Di più Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese
Bimbi attorno a un cratere formato dalle bombe israeliane.

Altri sviluppi

Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esercito israeliano è tornato a bombardare pesantemente Gaza la scorsa notte: i morti sono almeno 22 e i feriti 45.

Di più Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza
Due veicoli della polizia in centro a Zurigo.

Altri sviluppi

‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Antimafia di Catanzaro chiede assistenza giudiziaria a Berna nell'ambito di un'indagine sulla cosca Maiolo, perquisizioni a Zurigo, Berna e Turgovia.

Di più ‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera
Interventi nei pressi della centrale idroelettrica a Vissoie nella val d'Anniviers (Vallese).

Altri sviluppi

Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Il cantone bilingue è la zona più colpita da frane e inondazioni dovute alle intense precipitazioni di questi giorni. Zermatt isolata a causa degli smottamenti e dell'esondazione della Vispa. Preoccupano i corsi d'acqua delle valli laterali.

Di più Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese
Donna in carrozzina.

Altri sviluppi

L’80% delle stazioni accessibili alle persone disabili

Questo contenuto è stato pubblicato al I recenti interventi di adeguamento negli scali ferroviari e alle fermate periferiche hanno migliorato l'agibilità degli stessi ma non sono stati rispettati gli obiettivi legali.

Di più L’80% delle stazioni accessibili alle persone disabili
I legali della potente famiglia Hinduja, Nicolas Jeandin (sinistra) e Robert Assael, che hanno preannunciato ricorso.

Altri sviluppi

La potente famiglia Hinduja condannata per usura

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Tribunale di Ginevra infligge pesanti pene detentive a quattro componenti della ricchissima famiglia indiana per aver sfruttato i domestici, pagati tra i 200 e i 400 franchi al mese.

Di più La potente famiglia Hinduja condannata per usura
Rishi Sunak

Altri sviluppi

Sul Partito conservatore britannico si abbatte lo scandalo scommesse

Questo contenuto è stato pubblicato al A due settimane dalle elezioni, il partito del premier Rishi Sunak non solo è dato ai minimi storici, ma è anche scombussolato dalle dimissioni di direttore della campagna elettorale Tony Lee, coinvolto nello scandalo delle scommesse fatte sulla data del voto.

Di più Sul Partito conservatore britannico si abbatte lo scandalo scommesse
Zermatt

Altri sviluppi

Rischio esondazioni, Zermatt tagliata fuori dal mondo

Questo contenuto è stato pubblicato al Da venerdì mattina, la località turistica ai piedi del Cervino è inaccessibile. A causa del rischio di esondazione del torrente Vispa, nessun treno circola tra Visp e Zermatt, che non è raggiungibile neppure via strada a causa di smottamenti nella località.

Di più Rischio esondazioni, Zermatt tagliata fuori dal mondo
donald sutherland

Altri sviluppi

Il cinema in lutto per la scomparsa di Donald Sutherland

Questo contenuto è stato pubblicato al L'attore canadese è morto giovedì all'età di 88 anni. Dopo gli esordi teatrali e parti minori, Sutherland conobbe il successo alla fine degli anni '60, con La sporca dozzina e Mash.

Di più Il cinema in lutto per la scomparsa di Donald Sutherland

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR