La televisione svizzera per l’Italia

UBS-Credit Suisse, fusione delle attività svizzere forse già in luglio

loghi ubs e credit suisse su due edifici
Sulle quasi 300 filiali che oggi contano UBS e CS in Svizzera, un centinaio scompariranno. Keystone / Martial Trezzini

La fusione delle divisioni elvetiche delle due banche "potrebbe avvenire già il primo luglio 2024", afferma in un'intervista alla Neue Zürcher Zeitung Sabine Keller-Busse, presidente della direzione generale di UBS Svizzera.

L’integrazione di Credit Suisse in UBS accelera e potrebbe concretizzarsi tra meno di un mese.

L’unione riguarderà comunque in un primo momento soprattutto il personale, che potrà così collaborare internamente, spiega Sabine Keller-Busse in un’intervista pubblicata martedì dalla Neue Zürcher Zeitung (NZZ). “Per i clienti di Credit Suisse cambierà inizialmente solo la controparte legale: manterranno ancora le loro carte di debito CS, le loro ipoteche o i loro prodotti d’investimento, finché i relativi sistemi informatici saranno in funzione”.

Per alcuni clienti complessi, come i Family Office o le grandi aziende, la migrazione inizierà già quest’anno; il resto della clientela sarà portato all’interno dei sistemi di UBS entro la fine del 2025. “A quel punto per noi tornerà tutto alla normalità”.

donna
La presidente della direzione generale di UBS Svizzera Sabine Keller-Busse. UBS

Cento filiali in meno

La fusione sarà accompagnata anche da un’importante riduzione delle filiali: l’obiettivo è che UBS, compresa CS integrato, si ritrovi con 194 succursali in Svizzera. Attualmente UBS ha 190 filiali, Credit Suisse 95.

Le rappresentanze UBS e CS sono già state unite in cinque sedi in un test pilota. La decisione è stata presa a favore del luogo con lo spazio più ampio, perché i consulenti alla clientela dovevano spostare i loro sistemi prima della migrazione dei clienti. “Quindi deve esserci posto per più consulenti”, spiega Keller-Busse.

La sperimentazione sta funzionando molto bene, ha aggiunto la dirigente con doppio passaporto svizzero e tedesco. “Comporta una spesa una tantum, ma ci consente di chiudere rapidamente le filiali in eccesso: altrimenti avremmo dovuto aspettare la fine del 2025”. La numero uno di UBS Svizzera dice di non essere preoccupata riguardo al destino delle sedi in eccesso: la maggior parte è in affitto e c’è grande interesse da parte di nuovi locatari, afferma.

Conciliare due culture aziendali

Riguardo alle due culture aziendali, Keller-Busse descrive gli approcci al prestito di CS e UBS come “molto simili” per la maggior parte. “Le differenze sono particolarmente evidenti nelle attività specializzate: ad esempio noi non ci occupiamo di finanziamenti puri all’estero per aziende straniere, ma ci concentriamo sulle quelle elvetiche”.

Credit Suisse ha anche valutato “uno o due Paesi” in modo diverso da UBS, “ciò che non corrisponde alla propensione al rischio di UBS”. Se i clienti aziendali hanno linee di credito per le quali la propensione al rischio di UBS è inferiore alla somma dei loro attuali prestiti presso i due istituti oppure se operano in uno Stato o in un settore in cui non è possibile sostenerli a causa del rischio di reputazione, si cerca una buona soluzione “in discussioni congiunte”.

Poiché CS ha voluto dissuadere alcuni clienti dalla corsa agli sportelli nel 2022 con condizioni speciali UBS, dovrà fare alcuni aggiustamenti. “Dobbiamo riprezzare le relazioni non redditizie”, afferma Keller-Busse: dopotutto, la parte CS dovrebbe tornare a generare utili, aggiunge. Ma su questo fronte non tutto va imputato all’integrazione. “Anche la situazione dei tassi di interesse è cambiata in modo significativo”.

Un migliaio di tagli in Svizzera

In materia di cancellazione d’impieghi, la manager conferma inoltre la cifra di 1’000 tagli in Svizzera. I licenziamenti relativi alle attività elvetiche inizieranno nella seconda metà del 2024 e saranno attuati nei prossimi due o tre anni. “Dopo la migrazione alla piattaforma UBS saranno interessati di più colleghi del back office”.

Sul mercato del lavoro le conseguenze dei licenziamenti si faranno sentire soprattutto nel 2026, a causa del piano sociale che concede molto tempo alle persone interessate. Secondo l’esperta con dottorato in economia conseguito all’Università di San Gallo, i e le dipendenti che perderanno l’impiego dovrebbero però trovare rapidamente un nuovo lavoro. Questo perché hanno una buona formazione e c’è carenza di manodopera qualificata. “Crediamo quindi che gli esuberi possano essere assorbiti bene dal mercato”.

Sui media intanto – ricordano i giornalisti della NZZ – si parla di Keller-Busse come uno dei possibili successori al CEO Sergio Ermotti. È interessata? “Ho uno dei lavori più interessanti del settore bancario: mi sto concentrando su questo, come ho sempre fatto”, risponde la dirigente con trascorsi presso McKinsey. “Tutte queste speculazioni sono irrilevanti per me”.

Attualità

Naufragio del 17 giugno 2023 al largo della Calabria.

Altri sviluppi

Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore

Questo contenuto è stato pubblicato al Le tragedie hanno causato la morte di almeno 16 persone. Un numero molto approssimativo perché - stando alle testimonianze - i dispersi sarebbero decine.

Di più Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore
soldati svizzeri

Altri sviluppi

Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo la Commissione delle finanze, anche quella della politica di sicurezza del Nazionale è a favore di un aumento di ulteriori 4 miliardi di franchi per il periodo 2025-2028.

Di più Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero
Siringhe

Altri sviluppi

Per vaccinarsi contro il coronavirus si dovrà pagare di tasca propria

Questo contenuto è stato pubblicato al Lo rende noto l'Ufficio federale della sanità pubblica precisando che a partire dal mese di luglio 2024, le assicurazioni malattia copriranno le spese solo alle persone a cui l'immunizzazione verrà raccomandata.

Di più Per vaccinarsi contro il coronavirus si dovrà pagare di tasca propria
Una filiale di Meletronics.

Altri sviluppi

Migros taglia 415 posti e vende Melectronics

Questo contenuto è stato pubblicato al Migros sopprime altri 415 posti di lavoro. I tagli fanno parte della ristrutturazione del Gruppo Migros annunciata a inizio di febbraio, che prevede la soppressione di quasi 1'500 impieghi su un organico complessivo di circa 100'000 dipendenti.

Di più Migros taglia 415 posti e vende Melectronics
Irène Jacob.

Altri sviluppi

L’attrice Irène Jacob sarà premiata al Festival di Locarno

Questo contenuto è stato pubblicato al Il premio le verrà consegnato venerdì 9 agosto in Piazza Grande quando verrà proiettato il film "Trois couleurs: Rouge" del regista polacco Krzysztof Kieślowski.

Di più L’attrice Irène Jacob sarà premiata al Festival di Locarno
Quattro ragazzi danno calci a un ragatto in terra.

Altri sviluppi

Aumenta il numero di minorenni condannati

Questo contenuto è stato pubblicato al Aumenta in Svizzera il numero di condanne a carico di minorenni. Nel 2023 ne sono state pronunciate 23'080, ossia l'11% in più rispetto all'anno precedente.

Di più Aumenta il numero di minorenni condannati
Laboratorio chimico.

Altri sviluppi

Svizzera competitiva grazie all’efficienza delle sue aziende

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera si colloca al secondo posto nella classifica dell'istituto IMD di Losanna sulla competitività mondiale 2024 grazie alla sua performance economica e all'efficienza delle sue aziende.

Di più Svizzera competitiva grazie all’efficienza delle sue aziende
Una zecca.

Altri sviluppi

Cambia il clima, arrivano le zecche. Ecco come difendersi

Questo contenuto è stato pubblicato al La zecca può trasmettere due malattie, la borreliosi di Lyme e la meningoencefalite. Dall’ufficio del medico cantonale ticinese arrivano consigli per difendersi.

Di più Cambia il clima, arrivano le zecche. Ecco come difendersi

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR