La televisione svizzera per l’Italia

Rapporto Too Big to Fail accolto bene a livello internazionale

Karin Keller-Sutter
La consigliera federale Karin Keller-Sutter ha presentato a Washington il rapporto Too Big to Fail. KEYSTONE/© KEYSTONE / PETER KLAUNZER

Un anno dopo il tracollo di Credit Suisse, la consigliera federale Karin Keller-Sutter ha presentato alla Banca Mondiale e ai ministri delle finanze del G20 il rapporto "Too Big To Fail", che è stato sostenuto dal Fondo monetario internazionale (FMI).

A un anno dalla crisi di Credit Suisse (CS), la consigliera federale Karin Keller Sutter si è recata venerdì a Washington per tranquillizzare Banca Mondiale e ministri delle finanze del G20 sulla solidità della piazza finanziaria elvetica. La Consigliera federale ha presentato il lavoro svolto quest’anno e in particolare il rapporto, già presentato al Parlamento, “Too Big to Fail”.

“Il rapporto del Consiglio federale – ha dichiarato la responsabile del Dipartimento delle finanze – è stato accolto molto bene. Le misure sono state considerate valide e proporzionate. Tanto che alcuni Paesi hanno dichiarato che si tratta di un rapporto che permette di riconoscere lacune nelle loro legislazioni”, che ora possono essere colmate.

+ Credit Suisse, cosa è andato storto?

“Si vuole imparare da questo caso, perché dopo le esperienze che abbiamo avuto noi, è necessario esaminare nuovamente in modo critico alcuni degli standard internazionali”. Non bisogna dimenticare che il “regime Too Big to Fail” è internazionale, non solo una normativa svizzera. “Questo significa che dobbiamo collaborare a livello internazionale; e ho percepito questa volontà molto chiaramente”, ha detto Keller-Sutter.

Contenuto esterno

L’analisi di 339 pagine, pubblicata pochi giorni fa ed elaborata in seguito alla crisi di CS, arriva alla conclusione che “molte delle misure già introdotte a livello nazionale e internazionale per aumentare la stabilità finanziaria hanno sostanzialmente dimostrato la loro validità”.

Preoccupa il debito

Uno dei temi principali affrontati dall’FMI è il crescente indebitamento statale, a fronte dell’aumento dei tassi di interesse e del rapido incremento delle spese militari, ha dichiarato Keller-Sutter. “Non si è riusciti ad attuare le necessarie riforme strutturali in tempi di tassi di interesse negativi o nulli”, ha osservato la ministra delle finanze.

Altri sviluppi
facciata di una sede di credit suisse

Altri sviluppi

“Too big to fail”, ci sono delle lacune da colmare

Questo contenuto è stato pubblicato al L’ampia analisi della crisi di Credit Suisse (CS) mostra che l’attuale dispositivo “Too big to fail” (norma che riguarda i fallimenti di grandi banche di rilevanza sistemica, ndr) dev’essere ulteriormente sviluppato e rafforzato, secondo il Governo elvetico.

Di più “Too big to fail”, ci sono delle lacune da colmare

L’elevato indebitamento e gli alti tassi di interesse rappresentano un rischio per la stabilità finanziaria. Il fatto che la Svizzera sia già riuscita a ridurre il tasso di riferimento è anche merito “del nostro status di Sonderfall”. “Abbiamo altri prerequisiti, un basso livello di indebitamento, un alto livello di stabilità finanziaria e la nostra moneta”, ha detto Keller-Sutter.

Situazione mondiale peggiore di quella elvetica

L’economia mondiale, però, continua a dover fare i conti con gli effetti dei conflitti in Ucraina e a Gaza. La stessa direttrice del Fondo Monetario Kristalina Georgieva si è detta sorpresa: “Nonostante questi molteplici shock e le condizioni finanziarie difficili, la crescita economica è costantemente positiva tanto che abbiamo aggiornato leggermente le nostre previsioni per quest’anno al 2,2%. Tuttavia, c’è ancora molto di cui preoccuparsi”. L’aumento dei debiti pubblici, per esempio, o, soprattutto, il perdurare dell’inflazione, come negli Stati Uniti.

+ Cinque banche troppo grandi… per escludere gli svizzeri all’estero

Attualità

Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”
fotografie degli ostaggi di hamas

Altri sviluppi

Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

Questo contenuto è stato pubblicato al Le trattative per la liberazione degli ostaggi in mano ad Hamas sono state sospese. Ad annunciarlo un'emittente israeliana.

Di più Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese
due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR