La televisione svizzera per l’Italia

Per una famiglia di sei persone 48 franchi al giorno è un importo legalmente corretto

quattro persone sedute in un parco
A fine febbraio 2024, oltre 44'000 persone erano ammesse a titolo provvisorio in Svizzera. KEYSTONE

Il Tribunale amministrativo del Canton Argovia ha respinto il ricorso di una famiglia siriana ammessa a titolo provvisorio in Svizzera che contestava l'ammontare ricevuto per l'assistenza.

Anche se l’importo erogato dalle autorità cantonali per le prestazioni assistenziali alle persone ammesse provvisoriamente in Svizzera è “molto basso”, da un punto di vista legale non vi è nulla da eccepire.

È quanto stabilito dal Tribunale amministrativo di Argovia, che ha respinto il ricorso di una famiglia siriana, ammessa in Svizzera provvisoriamente.

Nella sua decisione pubblicata lunedì, la Corte ha dato ragione al Governo cantonale, che un anno fa aveva già respinto il ricorso, diretto contro un’ordinanza emessa dai servizi sociali cantonali nel 2021.

La famiglia siriana era stata ospitata in un alloggio cantonale per tre mesi e mezzo. Riceveva 1’440 franchi (1’482 euro) al mese o 48 franchi al giorno di assistenza sociale. Nel ricorso si chiedeva un importo di 2’586 franchi al mese. Questa somma corrisponde al fabbisogno di base per un nucleo familiare di sei persone stabilito dall’assistenza sociale ordinaria.

+ Come funziona il diritto all’asilo in Svizzera.

Secondo le argomentazioni presentate nel ricorso, l’importo è così basso da violare la dignità umana, il diritto all’aiuto d’emergenza, il principio della parità di diritti, il divieto di discriminazione e altri diritti fondamentali.

L’istanza è stata avviata da un gruppo di studenti dell’Università di Berna nell’ambito del progetto Human Rights Law Clinic. Si tratta di una forma di insegnamento che ha lo scopo di consentire ai futuri avvocati e avvocate di lavorare su casi reali durante gli studi.

Un aiuto che non è orientato all’integrazione

Il Tribunale amministrativo è giunto alla conclusione che il Governo cantonale non viola la legge fissando le tariffe per le persone ammesse temporaneamente a livello di ordinanza, in conformità con la norma cantonale sull’assistenza e la prevenzione sociale. Secondo la legge federale, le persone ammesse temporaneamente non hanno lo stesso status di chi è un rifugiato riconosciuto.

L’ammissione provvisoria è concessa a persone il cui allontanamento dalla Svizzera, disposto nei loro confronti, si è rivelato inammissibile (violazione del diritto internazionale pubblico), non ragionevolmente esigibile (pericolo concreto per lo straniero) o impossibile (motivi tecnici). L’ammissione provvisoria costituisce pertanto un provvedimento sostitutivo.

L’ammissione provvisoria può essere disposta per 12 mesi ed essere prorogata di anno in anno dal Cantone di dimora. Le persone ammesse provvisoriamente sono abilitate a lavorare in tutta la Svizzera. Per queste persone l’esercizio di un’attività lucrativa presuppone semplicemente una notifica del datore di lavoro all’autorità cantonale competente.

Fonte: Segreteria di Stato della migrazione

Le persone ammesse temporaneamente hanno solo un diritto di soggiorno provvisorio in Svizzera. Le prestazioni sociali non sono orientate all’integrazione, contrariamente a quanto accade per chi ha ottenuto l’asilo.

Tuttavia, il Tribunale amministrativo riconosce che l’importo erogato è “molto basso” e “pone limiti finanziari estremamente stretti”, in particolare per quanto riguarda i contatti sociali e gli sforzi di integrazione personale.

D’altra parte, non si può ritenere che vi sia una violazione non autorizzata dei diritti fondamentali finché viene garantito il livello minimo di sussistenza. L’obiettivo è ridurre al minimo l’incentivo a trasferirsi o a rimanere in Svizzera.

Esistono anche prestazioni in natura

Oltre a questo contributo finanziario, la famiglia ha ricevuto diverse prestazioni in natura, ha spiegato il tribunale amministrativo.

Ad esempio, la famiglia ha potuto alloggiare in un appartamento di 3,5 locali, arredato e attrezzato, con televisione e WiFi gratuito. L’appartamento era dotato di stoviglie, asciugamani e lenzuola.

Il sostegno finanziario non deve quindi essere considerato isolatamente, ma deve essere riconosciuto come parte del “pacchetto complessivo”, ha sottolineato il tribunale.

Attualità

L'attrice Mikey Madison in una scena del film "Anora"

Altri sviluppi

A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro

Questo contenuto è stato pubblicato al Al 77esimo Festival del film, il premio della giuria è andato a "Emilia Perez" di Jacques Audiard, mentre il premio speciale se lo è aggiudicato "Il seme del fico sacro", del regista dissidente Mohammad Rasoulof.

Di più A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro
Kharkiv

Altri sviluppi

Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv

Questo contenuto è stato pubblicato al L’esercito di Mosca colpisce, con due bombe plananti, un centro commerciale della seconda città ucraina. I morti potrebbero essere decine.

Di più Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv
Sono circa 500 le persone che hanno partecipato in maniera pacifica.

Altri sviluppi

Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa

Questo contenuto è stato pubblicato al La manifestazione si è svolta in risposta ad un servizio tv sulla vicenda di una donna violentata e picchiata nell'appartamento di un avvocato. Un caso per il quale le autorità non avrebbero agito come avrebbero dovuto.

Di più Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa
Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR