La televisione svizzera per l’Italia

“Per la formazione e la ricerca ci vogliono più fondi federali”

Un laboratorio di chimica.
Meno soldi per la formazione, ricerca e innovazione. Un ambito dove la Svizzera primeggia. KEYSTONE

Il limite di spesa massima per il periodo 2025-2028 di 29,2 miliardi di franchi per il settore della formazione, ricerca e innovazione sono pochi e insufficienti. Lo affermano quattro associazioni svizzere che sperano ora che il Parlamento sia più generoso del Consiglio federale.

Il settore della formazione, della ricerca e dell’innovazione è seriamente preoccupato: i fondi previsti dal Consiglio federale per il periodo 2025-2028 sono ritenuti insufficienti. Secondo SwissuniversitiesCollegamento esterno, Consiglio dei Politecnici federaliCollegamento esterno, Fondo nazionale svizzeroCollegamento esterno e Accademie svizzere delle scienzeCollegamento esterno ciò potrebbe portare a una riduzione dei servizi e alla sospensione di progetti.

Nel messaggio per la promozione dell’educazione, della ricerca e dell’innovazione (messaggio ERICollegamento esterno) per il periodo citato, il Consiglio federale preveda un limite di spesa massimo di 29,2 miliardi di franchi. A causa dei noti problemi di bilancio, questo importo è di 500 milioni inferiore di quello “già scarso” posto in consultazione.

Contenuto esterno

Invece di una crescita media annua del 2% nominale, il settore deve accontentarsi di un +1,6%. Il problema, sottolinea la nota, è che tale incremento è inferiore all’inflazione. Nel periodo di finanziamento si verifica quindi una crescita prossima allo zero o addirittura una diminuzione dei fondi negli istituti superiori.

+ La Svizzera sul tetto del mondo nel campo dell’innovazione

“È la prima volta dagli anni ’90 che le scuole universitarie e le organizzazioni che promuovono la ricerca e l’innovazione disporranno complessivamente di una quantità inferiore di fondi federali rispetto all’anno precedente”, sottolineano le quattro associazioni nel comunicato.

A causa dei risparmi, il settore “rischia di ridurre i servizi e di sospendere progetti di grande importanza per l’economia e la società della Svizzera”. C’è inoltre incertezza per il futuro, dato che ulteriori risparmi non sono da escludere.

Insomma, per Swissuniversities, Consiglio dei Politecnici federali, Fondo nazionale svizzero e Accademie svizzere delle scienze il Consiglio federale con questa politica “rischia di perdere i fattori di successo per il futuro della Svizzera”.

Le quattro assocazioni sperano ora nel Parlamento. Quando le due Camere dovranno discutere dell’ERI 2025-2028 “avranno l’opportunità di adeguare gli investimenti previsti”.

Attualità

Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera
Un treno entra in una stazione di periferia.

Altri sviluppi

Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali

Questo contenuto è stato pubblicato al Per l'insieme della Svizzera, il 94,46% dei treni è arrivato a destinazione con meno di tre minuti di ritardo rispetto all'orario stabilito, contro il 94,92% nell'anno precedente. Nel settore degli autobus, il numero delle corse puntuali si situa sotto la soglia del 90%.

Di più Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali
Un cacciatore.

Altri sviluppi

Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi

Questo contenuto è stato pubblicato al L'abbattimento dei lupi nei Grigioni, a determinate condizioni, sarà estesa quest'autunno per la prima volta ai titolari delle patenti per la caccia alta.

Di più Caccia alta nei Grigioni aperta anche ai lupi
baume schneider su schermi durante discorso

Altri sviluppi

Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale e direttrice del Dipartimento federale dell'interno (DFI) Elisabeth Baume-Schneider ha invitato i membri dell'OMS a impegnarsi per un'intesa contro le pandemie.

Di più Baume-Schneider: “Al mondo serve un accordo anti-pandemia”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR