La televisione svizzera per l’Italia

“No” del Consiglio federale all’iniziativa sugli asili nido

bambina si lava le mani all'asilo
Un'iniziativa "troppo costosa" secondo l'Esecutivo. Keystone / Gaetan Bally

Il Governo ha respinto un’iniziativa lanciata lo scorso anno dal Partito socialista “Per una custodia di bambini complementare alla famiglia che sia di qualità e a prezzi abbordabili per tutti”.

Troppo costosa e poco rispettosa del federalismo: con queste motivazioni il Consiglio federale ha respinto, durante la sua seduta di venerdì, l’iniziativa popolare sugli asili nido, lanciata l’anno scorso dal Partito socialista (PS), che mira a garantire un’assistenza extrafamiliare di qualità e accessibile per tutti. Dopo essersi dichiarato contrario al testo, il Governo ha trasmesso al Parlamento il relativo messaggio con la propria decisione in merito.

I promotori dell’iniziativa sugli asili nido sono dell’idea che bisogna garantire a ogni bambino – dai tre mesi di età e per tutta la durata l’istruzione scolastica di base – il diritto all’assistenza extrafamiliare. Il testo prevede inoltre di limitare la spesa a carico dei genitori in questo ambito, limitando la partecipazione delle famiglie a un massimo del 10% del loro reddito. Lo scopo dell’iniziativa è quello di sancire questi princìpi nella Costituzione.

Altri sviluppi
donna e bambino si disinfettano le mani

Altri sviluppi

La crisi degli asili nido

Questo contenuto è stato pubblicato al Gli asili nido si sono rivelati fondamentali in questo periodo di pandemia. Tuttavia queste strutture sono in crisi.

Di più La crisi degli asili nido

Secondo il Consiglio federale, però, se attuata, l’iniziativa del PS sarebbe troppo costosa. Un “sì” alle urne comporterebbe annualmente spese supplementari nell’ordine di miliardi a carico della Confederazione. Alla luce della difficile situazione finanziaria, il Governo ritiene che tali spese non siano sostenibili. Secondo l’Esecutivo il testo è inoltre incompatibile con l’attuale ripartizione dei compiti tra Confederazione, Cantoni e Comuni.

Aiuti da 20 anni

Il Consiglio federale concorda però con i promotori sul fatto che la custodia extrafamigliare di bambini debba continuare a essere promossa e che gli enti pubblici debbano ridurre ulteriormente i costi a carico dei genitori. Da 20 anni, ha spiegato il Consiglio federale, la Confederazione accorda aiuti finanziari per la creazione di posti per la custodia di bambini mediante un programma d’incentivazione di durata limitata.

Inoltre, dal 2018 può sostenere finanziariamente i Cantoni e i Comuni che aumentano i sussidi per ridurre i costi per la custodia di bambini a carico dei genitori. Negli ultimi due decenni, ha ricordato il Governo, con i suoi aiuti finanziari la Confederazione ha contribuito alla creazione di oltre 76’000 nuovi posti di custodia e sostenuto 17 Cantoni che, aumentando i propri sussidi, hanno ridotto i costi di custodia a carico dei genitori.

Il Parlamento sta invece attualmente dibattendo l’iniziativa parlamentare “Sostituire il finanziamento iniziale con una soluzione moderna”, che chiede di rendere permanenti le misure di sostegno della Confederazione. In discussione vi è tra l’altro un modello alternativo che prevede una sorta di ulteriore assegno familiare per sgravare i genitori che per i propri figli ricorrono alla custodia istituzionale complementare alla famiglia (come per esempio una struttura di custodia collettiva diurna, ossia le cosiddette “mamme diurne”).

Attualità

manette

Altri sviluppi

Uccide un 77enne in Germania, arrestato a Berna

Questo contenuto è stato pubblicato al Un 21enne, sospettato di aver ucciso otto giorni fa a Friburgo (Germania) un 77enne nel corso di un furto con scasso, è stato arrestato a Berna.

Di più Uccide un 77enne in Germania, arrestato a Berna
nick hayek accende un sigaro

Altri sviluppi

Il CEO di Swatch: “Non è vero che cancello posti”

Questo contenuto è stato pubblicato al Non è vero che Swatch sta cancellando discretamente impieghi e la strategia del gruppo è buona, malgrado quanto dica la Neue Zürcher Zeitung (NZZ), che agisce peraltro in malafede.

Di più Il CEO di Swatch: “Non è vero che cancello posti”
In primo piano l'entrata della Casa d'Italia a Zurigo.

Altri sviluppi

La Casa d’Italia a Zurigo sarà rimessa a nuovo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'avvio del cantiere è previsto per il 2 settembre prossimo. Il costo della ristrutturazione si aggira attorno ai 14 milioni di franchi. La decisione da parte del Governo italiano era attesa da sette anni.

Di più La Casa d’Italia a Zurigo sarà rimessa a nuovo
thomas aeschi

Altri sviluppi

Zuffa a Palazzo federale, avviati accertamenti

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Ministero pubblico della Confederazione ha avviato degli accertamenti sulla zuffa che a Palazzo federale lo scorso 12 giugno ha coinvolto il democentrista Thomas Aeschi e alcuni agenti di polizia.

Di più Zuffa a Palazzo federale, avviati accertamenti
paul watson

Altri sviluppi

Arrestato il fondatore di Sea Shepherd

Questo contenuto è stato pubblicato al Paul Watson, fondatore di Sea Shepherd e attivista da tempo impegnato contro la caccia alle balene, è stato arrestato domenica in Groenlandia in base a un mandato internazionale emesso dal Giappone.

Di più Arrestato il fondatore di Sea Shepherd
kamala harris

Altri sviluppi

Dopo il ritiro di Joe Biden, Kamala Harris è sostenuta da più parti

Questo contenuto è stato pubblicato al I 50 presidenti statali del partito democratico statunitense hanno appoggiato Kamala Harris, sostenendola come nuova candidata presidenziale del partito, che si confronterà con Donald Trump.

Di più Dopo il ritiro di Joe Biden, Kamala Harris è sostenuta da più parti
obre di combattenti houthi

Altri sviluppi

Yemen, gli Houthi promettono vendetta contro Israele

Questo contenuto è stato pubblicato al I ribelli Houthi che controllano lo Yemen hanno promesso una risposta totale e senza regole nei confronti di Israele, dopo il bombardamento subìto sabato sera nell'importante porto di Al-Hudayda.

Di più Yemen, gli Houthi promettono vendetta contro Israele

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR