La televisione svizzera per l’Italia

Lo Zoo di Basilea compie 150 anni

Il 26 settembre 1959, il direttore dello zoo di Basilea, il dottor Ernst Lang, tiene tra le mani il un cucciolo di gorilla, il primo nato in uno zoo europeo e il secondo al mondo nato in cattività.
Il 26 settembre 1959, il direttore dello zoo di Basilea, il dottor Ernst Lang, tiene tra le mani il un cucciolo di gorilla, il primo nato in uno zoo europeo e il secondo al mondo nato in cattività. KEYSTONE

Lo Zoo di Basilea festeggia 150 anni: tutto era iniziato il 3 luglio 1874 con la presentazione di animali indigeni. Oggi lo "Zolli" è una sorta di salvagente per le specie minacciate.

Nel libro pubblicato in occasione dell’anniversario, il direttore Olivier Pagan descrive lo Zoo di Basilea come “un’oasi nel mezzo della città”, vantando il valore ricreativo per la popolazione e insistendo sulle nozioni di educazione, ricerca e protezione della natura.

Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, lo zoo non fa sempre l’unanimità: nel 2019 la popolazione del cantone ha respinto alle urne un nuovo piano urbanistico approvato a larga maggioranza dal Gran Consiglio che avrebbe permesso la costruzione dell'”oceanario”, un enorme acquario dedicato agli oceani, nelle vicinanze dello zoo. Diverse organizzazioni ambientaliste avevano lanciato il referendum, adducendo argomenti ecologici e legati alla protezione degli animali che vi avrebbero dovuto essere ospitati.

Nonostante i problemi legati alla detenzione di animali in cattività, il parco faunistico può contare su un pubblico fedele: ogni anno attira circa 1,2 milioni di visitatori. La popolazione si mostra anche molto generosa in termine di lasciti e donazioni.

Altri sviluppi

Altri sviluppi

Zoo Basilea: nati quattro nuovi ghepardi

Questo contenuto è stato pubblicato al Si allarga la famiglia dei ghepardi allo zoo di Basilea: in maggio sono nati quattro piccoli, che dopo un periodo di tranquillità in una struttura protetta sono stati ora trasferiti negli spazi visibili al pubblico.

Di più Zoo Basilea: nati quattro nuovi ghepardi

Le condizioni di vita degli animali nello “Zolli” sono migliorate nel corso degli ultimi decenni. Fino alla fine degli anni ’90 i leoni vivevano ancora dietro a delle sbarre; oggi dispongono di un vasto recinto e di una tana in cui possono ritirarsi lontano dagli sguardi dei visitatori. Anche gli elefanti africani e le grandi specie grandi di primati sono ospitate in spazi più ampi.

Un po’ di storia

Nel 1959 la nascita del primo gorilla in uno zoo europeo aveva portato alla ribalta il parco basilese a livello internazionale. Goma è nato nella gabbia delle scimmie ed è stato allevato con il biberon e fasciato dal direttore dell’epoca. Il primate è deceduto nel 2018 all’età di 58 anni. Ma non era stato il primo grande successo per lo zoo: nel 1956 si era già messo in vista con la nascita in cattività di un rinoceronte indiano, una prima mondiale.

Nel 1874 lo “Zolli” non presentava ancora specie esotiche: si potevano ammirare cinghiali, stambecchi, cervi e uccelli. L’interesse iniziale è sfumato velocemente. Dal 1879 ha cominciato a esibire popoli esotici, in particolare nubiani e marocchini, attirando un grande successo ed evitando così il fallimento. Le esibizioni sono terminate soltanto nel 1935, non per motivi etici ma a causa della diminuzione dell’interesse del pubblico che preferiva vedere animali esotici come leoni ed elefanti.

Problemi di spazio

Situato non lontano dalla stazione, il parco faunistico è confrontato a problemi di spazio. Attualmente occupa solo una superficie di 110’000 m2, a fronte dei 270’000 dello Zoo di Zurigo, il più importante del paese. Nonostante le dimensioni, oggi presenta circa 630 specie, contro le 375 ospitate sullo Zürichberg.

Lo “Zolli” dispone ancora di una piccola riserva di terreno a sud, in territorio di Basilea Campagna, e a nordest, dove si trova il parcheggio. A termine il direttore e il presidente del consiglio d’amministrazione Martin Lenz contano di sfruttare queste superfici per costruire strutture per l’accoglienza di animali esotici.

Lo Zoo di Basilea è il più vecchio giardino zoologico della Svizzera, anche se va precisato che il parco faunistico di Lange Erlen, sempre a Basilea, che ospita solo animali indigeni, era stato aperto tre anni prima, nel 1871. Oggi, in occasione dell’anniversario, il biglietto d’ingresso costa 50 centesimi, come 150 anni fa.

Attualità

Container al porto fluviale di Basilea.

Altri sviluppi

Ripresa del commercio estero svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo un inizio d'anno poco dinamico le esportazioni sono tornate a crescere con vigore nel secondo trimestre.

Di più Ripresa del commercio estero svizzero
Il Tribunale penale federale a Bellinzona.

Altri sviluppi

Algerino rinviato a giudizio per terrorismo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Procura federale il presunto militante dello Stato Islamico (ISIS), la cui domanda d'asilo in Svizzera era stata respinta, progettava un attentato in Francia.

Di più Algerino rinviato a giudizio per terrorismo
Traffico veicolare in una città svizzera.

Altri sviluppi

Radar anti-rumore a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha testato lo scorso anno nella città di Calvino alcuni nuovi apparecchi, nell'ambito di un progetto pilota che ha lo scopo di sanzionare in modo più efficace il rumore eccessivo sulle strade.

Di più Radar anti-rumore a Ginevra
prigionieri di guerra salgono su un bus.

Altri sviluppi

Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

Questo contenuto è stato pubblicato al Russia e Ucraina hanno liberato 95 prigionieri di guerra a testa, a meno di un mese dal precedente scambio.

Di più Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev
La capsula Sarco per l'eutanasia assistita.

Altri sviluppi

Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno

Questo contenuto è stato pubblicato al Una nuova associazione di aiuto al suicidio, The Last Resort, ha presentato ufficialmente oggi la capsula per suicidio Sarco. Ma polemiche e dubbi non mancano.

Di più Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno
Veduta del piccolo villaggio di Chaux-du-Milieu

Altri sviluppi

“Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu

Questo contenuto è stato pubblicato al Il piccolo comune neocastellano ha deciso di porre un freno all'arrivo di nuove famiglie sul suo territorio poiché la presenza di molti bambini e bambine sta creando insolubili problemi alle casse pubbliche.

Di più “Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu
Area Schengen in un aeroporto UE.

Altri sviluppi

Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La dotazione globale del fondo per il presidio dei confini UE è di 6,2 miliardi di euro, di cui una cinquantina torneranno nella Confederazione per l'implementazione dei nuovi sistemi di informazione e scambio dati.

Di più Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR