In pillole La settimana in Svizzera

Mentre le coppie non sposate possono infine ricongiungersi dopo mesi di lontananza a causa della pandemia, il turismo svizzero e la compagnia aerea Swiss presentano le cifre di un brutto semestre. Berna annuncia però un accordo per l'acquisto di un vaccino contro il nuovo coronavirus, e Locarno come ogni primo mercoledì di agosto ha dato il via alla sua rassegna cinematografica. Nonostante tutto.

La settimana si è aperta con una rettifica dell'Ufficio federale della sanità pubblica, che aveva indicato i locali notturni come principale luogo di contagio da coronavirus. In realtà, l'ambiente che più veicola il Covid-19 è la famiglia e l'UFSP si è corretto, ma non abbastanza rapidamente da evitare le polemiche.

Intanto, da lunedì, la Confederazione consente anche alle coppie non registrate il ricongiungimento con partner che si trovano all'estero in cosiddetti Stati terzi. Per UE, AELS e altri 12 Paesi le limitazioni erano già state soppresse.

Martedì sono stati resi noti i dati semestrali del turismo in Svizzera. Di sorprese, purtroppo, non ce ne sono.

Buone notizie arrivano però sul fronte della prevenzione. La Svizzera ha firmato un accordo con la multinazionale statunitense Moderna, che sarà probabilmente la prima azienda a produrre un vaccino contro il nuovo coronavirus Sars-CoV-2.

Come ha sofferto il turismo in Svizzera, ha sofferto il turismo negli altri Paesi. Ma arrivi e partenze sono drasticamente diminuiti anche sul fronte delle trasferte di lavoro. E così, il settore dell'aeronautica è tra quelli che soffrono di più per la crisi innescata dal Covid. La compagnia elvetica Swiss non fa eccezione.

Nel frattempo, nonostante tutto, è però iniziato uno dei principali appuntamenti culturali svizzeri dell'anno. Per questo 2020, profondamente cambiato.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.


Parole chiave