In pillole La settimana in Svizzera

La settimana in Svizzera è stata caratterizzata da uno scandalo: la CIA ha spiato un centinaio di paesi grazie alle macchine prodotte dalla ditta Crypto, nel canton Zugo. Sempre questa settimana è stata lanciata la campagna pro e contro l'iniziativa popolare 'Per un'immigrazione moderata'. da ultimo rapina a mano armata a Coira.

La macchina CX-52 IMG del 1952 dello svedese Boris Hagelin e prodotta dalla Crypto AG.

La macchina CX-52 IMG del 1952 dello svedese Boris Hagelin e prodotta dalla Crypto AG.

Keystone / Rama/lizenz Cc-by-sa-2.0-fr


Scandalo in Svizzera: i servizi segreti statunitensi e tedeschi avrebbero spiato per decenni oltre un centinaio di Stati grazie alle macchine prodotte dalla ditta Crypto, nel canton Zugo. Ma il governo elvetico lo sapeva?


Libera circolazione delle persone con l'Unione Europea: gli svizzeri dovranno votare in maggio se disdire questo accordo o meno. Per i contrari, la libera circolazione  è un "inganno". Lo dice l'Azione per una Svizzera neutrale e indipendente (ASNI) che ha lanciato giovedì la campagna in favore dell'iniziativa popolare 'Per un'immigrazione moderata'.


Libera circolazione delle persone con l'Unione Europea. Un'iniziativa che per il governo elvetico "mette in gioco il benessere del Paese".


Un uomo di 40 anni, del canton Zurigo, rimasto ferito gravemente nell'incidente della seggiovia del Fronalpstock la scorsa settimana, è deceduto mercoledì. Le altre persone coinvolte nell'incidente, una donna e due uomini, sono in via di guarigione.


Rapina a mano armata giovedì mattina alla Banca Cantonale Grigione di Coira: un uomo si è presentato allo sportello, ha sparato due colpi e ha lasciato l'istituto con del denaro contante. L'uomo è stato arrestato subito dopo grazie alle segnalazione della popolazione.


Parole chiave