Navigation

Ritiro delle armi automatiche in Nuova Zelanda

La polizia neozelandese ha cominciato domenica a ritirare le armi automatiche di tipo militare dei cittadini, in cambio di denaro, in base a una legge del Parlamento che ha fatto seguito al massacro in due moschee di Christchurch, avvenuto in marzo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 luglio 2019 - 10:02
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Fonti di polizia, citate dalla televisione australiana Abc, hanno detto che 169 persone hanno consegnato 224 armi da fuoco proibite in cambio di pagamenti complessivi per 434'000 dollari neozelandesi (circa 285'000 franchi). 

L'evento ha avuto luogo a pochi chilometri di distanza dal luogo dove quattro mesi fa l'assalitore, Brenton Tarrant, uccise 51 persone in attacchi a due moschee usando cinque armi, di cui due fucili semiautomatici di tipo militare.

Il governo neozelandese ha in programma di organizzare 258 raccolte di armi come quella di domenica, prevedendo di pagare ai possessori una somma totale pari a 218 milioni di dollari neozelandesi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.