La televisione svizzera per l’Italia

Ignazio Cassis chiede “azioni concrete” per contrastare l’antisemitismo

Ignazio Cassis
"Abbiamo la responsabilità individuale e collettiva di combattere l'antisemitismo", ha sottolineato Cassis. Keystone / Anthony Anex

In occasione dell'85esimo anniversario della Notte dei Cristalli, il ministro degli esteri svizzero ha espresso preoccupazione per l'aumento dei casi di antisemitismo osservati nel Paese dall'inizio del conflitto tra Israele e Hamas.

“Molti dei nostri concittadini ebrei hanno paura a uscire di casa, indossare una kippah o mettere al collo la stella di Davide”, afferma il ministro degli esteri dalle colonne del giornale Le Temps.Collegamento esterno Per il ticinese, è “insopportabile quello che queste persone devono sopportare, venendo attaccate e insultate”.

+ Episodi di antisemitismo in aumento in Svizzera.

Cassis non esita a fare un parallelismo fra la Notte dei Cristalli, l’Olocausto e gli attacchi di Hamas del 7 ottobre. Tra il 9 e il 10 novembre 1938, una serie di sommosse antisemite divamparono nella Germania nazista, con un pesante bilancio di vittime (rimasto imprecisato), centinaia di sinagoghe danneggiate e migliaia fra esercizi commerciali e abitazioni distrutti.

In tutti questi casi, spiega il capo della diplomazia elvetica al giornale romando, “sogni e speranze sono stati infranti in nome di un’ideologia disumana che non tollera la diversità”. Stando a Cassis, “abbiamo la responsabilità collettiva e individuale di combattere l’antisemitismo”.

Oltre alle misure già adottate, come il rafforzamento della protezione delle comunità e delle istituzioni ebraiche in Svizzera, il ministro invita a “fare di più e rimanere vigili”. Il Consiglio federale sta in particolare esaminando le possibilità e le modalità di sostegno alla creazione di un centro di mediazione e networking.

Quanto alla sofferenza del popolo palestinese, che “non deve essere ignorata”, Cassis dichiara che la Confederazione “continua a lavorare con forza in favore di valori come la pace, l’umanità e l’aiuto al prossimo”. Ha inoltre ricordato che Berna ha già sbloccato 90 milioni di franchi supplementari per le vittime nella regione.

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR