La televisione svizzera per l’Italia

I trasporti pubblici svizzeri mirano alla neutralità climatica entro il 2040

Un treno svizzero passa accanto a un installazione di pannelli solari
Il trasporto pubblico è uno dei pilastri per raggiungere gli obiettivi climatici in Svizzera. © Keystone / Christian Beutler

Aumentare del 30% l'efficienza energetica entro il 2050 e raggiungere la neutralità climatica nel 2040: sono i due obiettivi che si è fissata l'Unione dei trasporti pubblici (UTP).

“Il trasporto pubblico è parte della soluzione per raggiungere gli obiettivi climatici ed energetici della Svizzera. Genera poche emissioni ed è molto efficiente dal punto di vista energetico”, ha dichiarato lunedì Renato Fasciati, presidente dell’Unione dei trasporti pubblici (UTP), presentando gli obiettivi dell’organizzazione ombrello del ramo.

Il settore è determinato a fare di più rispetto a quanto stipula la Legge sul clima, in votazione federale il 18 giugno prossimo, poiché quest’ultima prevede l’azzeramento delle emissioni nette di gas a effetto serra entro il 2050.

+ Per saperne di più sulla Legge sul clima in votazione il 18 giugno potete consultare questo approfondimento.

I trasporti pubblici puntano anche a migliorare l’efficienza energetica in tutti i settori: non solo a livello dei mezzi di trasporto, ma anche nelle infrastrutture e negli immobili.

Entro il 2050, vi dovrà essere un miglioramento del 30% rispetto all’anno scorso, con un obiettivo intermedio del 15% nel 2035.

Gli attori coinvolti nell’ambito del trasporto pubblico dovrebbero anche sostenere la produzione di energia rinnovabile, affinché, dopo il 2040, siano impiegati solamente propulsori ecologici, sia su rotaia sia su strada.

A partire dallo stesso anno, l’intero settore del trasporto pubblico vuole coprire il proprio fabbisogno energetico con fonti di energia rinnovabili.

Attualmente il trasporto pubblico rappresenta il 24% del trasporto passeggeri e il 37% del trasporto merci, ma è responsabile solo del 5,5% del consumo energetico nel settore dei trasporti, si legge nel rapporto Vision 2050Collegamento esterno.

Il servizio del TG odierno:

Contenuto esterno



Attualità

Il primo ministro britannico Rishi Sunak.

Altri sviluppi

Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio

Questo contenuto è stato pubblicato al La convocazione è anticipata così di circa 6 mesi rispetto alla scadenza naturale della legislatura.

Di più Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio
Un neonato accudito dal padre.

Altri sviluppi

Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il progetto da 24 settimane accolto dal popolo ginevrino non può entrare per ora in vigore: è incompatibile con il diritto federale.

Di più Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere
Bandiera palestinese.

Altri sviluppi

Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina

Questo contenuto è stato pubblicato al I tre Paesi europei hanno annunciato che martedì prossimo riconosceranno lo Stato palestinese. Salgono così a undici gli Stati del Vecchio Continente a fare questo passo.

Di più Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina
Agenti della polizia federale.

Altri sviluppi

Colpo alla mafia turca, arresti anche in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Perquisizioni nel Canton Argovia e a Zurigo nell'ambito della vasta indagine condotta dalla Procura di Milano contro l'organizzazione di Baris Boyun, il boss turco che soggiornava spesso in Svizzera.

Di più Colpo alla mafia turca, arresti anche in Svizzera
Un treno all'interno della galleria del Lötschberg.

Altri sviluppi

Lavoratori intossicati nella galleria del Lötschberg

Questo contenuto è stato pubblicato al Perdita di una sostanza chimica da un vagone in transito, lievi difficoltà respiratorie per cinque persone all'interno del tunnel. Il traffico ferroviario è stato nel frattempo ripristinato.

Di più Lavoratori intossicati nella galleria del Lötschberg
Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR