La televisione svizzera per l’Italia

Prezzo del cacao alle stelle, i produttori di cioccolato svizzeri di fronte a un dilemma

Primissimo piano di fave di cacao mostrate dalle mani di una persona
Keystone / Legnan Koula

L’impennata dei costi del cacao e dello zucchero portano le aziende a porsi domande sulle mosse future: aumentare i prezzi, rinunciare a parte dei guadagni o modificare le ricette. Per ora, l’ultima opzione sembra esclusa.

L’arrivo della Pasqua porta un amaro dilemma ai produttori di cioccolato svizzeri: aumentare i prezzi dei prodotti finali di fronte all’impennata del costo del cacao (con il rischio di frenare l’appetito dei consumatori già storditi dall’inflazione) o lasciare che i loro margini di guadagno si fondano come il burro di cacao con lo zucchero?

Volete ricevere una selezione delle notizie del giorno dalla Svizzera o dei nostri articoli della settimana? Abbonatevi alle nostre newsletter!

La scorsa settimana il prezzo del cacao ha battuto nuovi record, sfiorando i 9’000 dollari a tonnellata a New York e superando le 7’000 sterline a Londra. Ciò, verosimilmente, costringerà i produttori di cioccolato ad aumentare ulteriormente i prezzi, anche se il loro spazio di manovra è limitato dalle difficoltà dei consumatori.

All’inizio di marzo, Lindt & Sprüngli ha annunciato che i suoi prezzi avrebbero continuato ad inasprirsi anche nel 2024 e nel 2025, dopo essere già aumentati in media del 10,1% nel 2023. Per compensare parte dell’incremento dei costi, il gruppo conta sui suoi prodotti a più alto margine, come le praline e i coniglietti di Pasqua.

Altri sviluppi
giandujotto in mezzo ad altri cioccolatini

Altri sviluppi

La “guerra del Gianduiotto” è finita

Questo contenuto è stato pubblicato al Il tipico cioccolatino di Torino sarà presto un IGP: Lindt ha infatti rinunciato a opporsi ulteriormente.

Di più La “guerra del Gianduiotto” è finita

L’impennata del prezzo del cacao, combinata con gli alti prezzi dello zucchero, sta “accentuando le sfide per il cioccolato svizzero”, ha dichiarato all’agenzia stampa AFP Thomas Juch, direttore degli affari pubblici di Chocosuisse, la federazione dei datori di lavoro del settore.

Impennata in parte a carico dei produttori

L’impennata dei prezzi del cacao avviene in un contesto di “maggiore sensibilità ai prezzi” da parte dei consumatori e, per il momento, è in parte “a carico dei produttori”, che “non possono trasferire interamente questo aumento sui prezzi al dettaglio”, poiché questi vengono adeguati a intervalli durante le trattative con i supermercati, “e non su base continuativa”, ha sottolineato.

+ Il cioccolato svizzero è in pericolo?

Nel 2023, l’inflazione dei prezzi alimentari ha già pesato sui volumi di esportazione del cioccolato svizzero, che sono scesi dello 0,2% a 150’516 tonnellate, secondo Chocosuisse. Il consumo pro capite in Svizzera, il primo Paese consumatore di cioccolato al mondo, è sceso dell’1% a 10,9 kg. Nel 2023 la quota di mercato del cioccolato svizzero è sicuramente aumentata di nuovo, ma la quota delle importazioni rimane elevata, pari al 40%. Il calo delle quantità rispetto all’anno precedente (-4%) sul mercato interno non potrà essere pienamente compensato nel 2023 (+3,1%).

Cattivi raccolti in Costa d’Avorio e Ghana

Tuttavia, i prezzi del cacao sono nuovamente raddoppiati da gennaio, dopo essere aumentati di quasi il 70% a New York e di quasi il 90% a Londra nel 2023, a seguito dei cattivi raccolti in Costa d’Avorio e Ghana, i principali produttori mondiali di semi, dovuti alle forti piogge e a una malattia dei baccelli, seguita da un episodio di siccità.

Una delle soluzioni nell’industria alimentare, quando i costi delle materie prime aumentano, è la riformulazione delle ricette.

+ Sempre più svizzere e svizzeri “tradiscono” il cioccolato nostrano

Ma “modificare le ricette e i profili di gusto ora, solo perché il costo del cacao è aumentato, sarebbe a mio avviso un errore”, ha dichiarato il capo di Nestlé Mark Schneider in occasione dei risultati annuali del gruppo (che possiede anche il marchio di praline Cailler), ricordando che i consumatori hanno aspettative molto precise sui loro prodotti preferiti. 

Nel 2023 le vendite di cioccolato svizzero sono rimaste quasi stabili in termini di volumi, ma sono salite nettamente in relazione al fatturato, effetto riconducibile a un sensibile aumento dei prezzi, sulla scia dell’incremento del costo delle materie prime.

Stando ai dati diffusi all’inizio del mese di marzo dall’associazione dei produttori Chocosuisse sono state smerciate 207’800 tonnellate, lo 0,7% in più dell’anno precedente. In calo sono risultate le esportazioni (-0,2% a 150’500 tonnellate) – con i principali mercati che sono Germania, Regno Unito, Francia, Canada e Stati Uniti – mentre il consumo interno è progredito (+3,1% a 57’291 tonnellate).

Il quadro è invece di netto incremento se si considera il giro d’affari: +7,2% a 1,9 miliardi di franchi, con la crescita che interessato sia la Svizzera (+6,4% a 0,9 miliardi) che l’export (+7,7% a 1,1 miliardi). Il consumo pro capite è invece sceso dell’1,0% a 10,9 chilogrammi, di cui il 6,4 chilogrammi di cioccolato svizzero (+1,7%) e 4,5 chilogrammi di prodotto importato (-4,7%).

Le 16 aziende attive nel ramo – due delle quali ticinesi: la Alprose di Caslano e la Chocolat Stella di Giubiasco – davano lavoro nel 2023 a 4’840 persone.

“Le ricette sono sacre”, ha insistito anche Jessica Herschkowitz, responsabile della comunicazione di Camille Bloch, l’azienda produttrice delle praline Ragusa.

Reinventarsi può rappresentare la mossa giusta

L’alternativa è creare nuovi prodotti, di cui Ragusa è un esempio storico ben noto in Svizzera. Nel 1942, Camille Bloch, che aveva difficoltà a importare fagioli in Svizzera a causa dell’interruzione del commercio internazionale durante la Seconda Guerra Mondiale, inventò questa barretta pralinata alla nocciola, di cui disponeva in abbondanza, creando quello che da allora è diventato un marchio di culto.

Altri sviluppi

Ma per il momento “dovremo aumentare i prezzi come tutti gli altri cioccolatieri”, ammette la signora Herschkowitz. L’azienda a conduzione familiare ha “fatto di tutto per evitare aumenti di prezzo”, ha dichiarato all’AFP, in particolare aspettando il più a lungo possibile “prima di fare nuovi ordini”. Ma i prezzi del cacao sono così alti che “non abbiamo altre opzioni”, ha spiegato.

Un’offerta più ampia possibile

Secondo Jean-Philippe Bertschy, analista di Vontobel, “anche se alcuni gruppi stranieri sono meno esigenti”, i produttori di cioccolato svizzeri non possono scendere a compromessi sulla qualità. Lindt, ad esempio, “non scende a compromessi” perché “la qualità è la base del suo successo”, ha dichiarato all’AFP.

+ L’immigrazione è un assaggio che sa di cioccolato

Per Adalbert Lechner, capo di Lindt & Sprüngli, la soluzione è piuttosto quella di garantire che la gamma di prezzi sia sufficientemente ampia da rendere i prodotti accessibili “a tutte le tasche”, come il coniglietto di Pasqua, disponibile in sei misure, da 10 grammi a 1 chilo, che ha usato come esempio durante i risultati annuali del gruppo.

Attualità

fotografia aerea dell'edificio principale del politecnico federale di zurigo

Altri sviluppi

Tasse triplicate nei politecnici federali per studenti stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Studentesse e studenti stranieri che in futuro intendono frequentare i politecnici federali di Zurigo e Losanna potrebbero veder triplicate le loro tasse d'iscrizione.

Di più Tasse triplicate nei politecnici federali per studenti stranieri
uomo con passamontagna tiene un cappio

Altri sviluppi

Forte aumento delle esecuzioni capitali nel mondo

Questo contenuto è stato pubblicato al L'anno scorso il numero di esecuzioni nel mondo ha raggiunto il livello più alto dal 2015. Amnesty International ne ha contate 1'153, senza la Cina, che non fornisce cifre. La progressione più alta è stata registrata in Iran.

Di più Forte aumento delle esecuzioni capitali nel mondo
auto tra muraglioni di neve

Altri sviluppi

Riapre il passo del San Gottardo

Questo contenuto è stato pubblicato al La barriera sulla strada che porta ai 2'108 metri del valico tra il Ticino e Uri è stata sollevata alle 11:00 di mercoledì. L’apertura è stata posticipata a causa della neve.

Di più Riapre il passo del San Gottardo
persone che votano

Altri sviluppi

In Sudafrica si rinnova il Parlamento

Questo contenuto è stato pubblicato al Oltre 26 milioni di sudafricani sono chiamati alle urne mercoledì per eleggere i 400 membri del Parlamento, che dovranno poi a loro volta nominare il prossimo presidente.

Di più In Sudafrica si rinnova il Parlamento
donna sale su un'auto

Altri sviluppi

Nessun aiuto per la riconversione professionale di chi si prostituisce

Questo contenuto è stato pubblicato al Le persone che desiderano abbandonare la prostituzione non saranno aiutate a riconvertirsi professionalmente. Mercoledì il Consiglio degli Stati ha respinto all'unanimità una mozione del Consiglio nazionale in tal senso.

Di più Nessun aiuto per la riconversione professionale di chi si prostituisce

Altri sviluppi

Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Papa si scusa sull'epiteto-shock riguardante i seminaristi gay, trapelato a distanza di una settimana dall'incontro a porte chiuse con i vescovi italiani in cui sarebbe stato pronunciato, e che ieri in un baleno ha fatto il giro del mondo.

Di più Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR