Navigation

Fiscalità imprese, raccolte 56 mila firme: si va al voto

La riforma toglie privilegi alle società estere in Svizzera, ma prevede compensazioni; troppo generose secondo i referendisti

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 ottobre 2016 - 14:40

Contro la terza riforma dell'Imposizione delle imprese sono state consegnate giovedì mattina alla Cancelleria federale a Berna 56'000 firme convalidate dai Comuni (su 75'000 raccolte). Il popolo potrebbe essere chiamato alle urne già il prossimo mese di febbraio. A lanciare il referendum era stata la sinistra -Partito socialista e Verdi- sostenuta dai sindacati e da altre organizzazioni.

La riforma, nata per via delle pressioni internazionali, è stata accolta dal Parlamento lo scorso mese di giugno e prevede l'abolizione dei privilegi fiscali per le società estere, che oggi rispetto a quelle svizzere possono approfittare di imposte sull'utile nettamente inferiori.

Per evitare la delocalizzazione delle imprese estere sono però state previste delle misure di compensazione, che i referendisti ritengono troppo generose. Un altro punto della riforma molto contestato sono le perdite fiscali miliardarie previste per i comuni, i cantoni e la Confederazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.