Navigation

Riforma dell'imposizione delle imprese alle porte

Abolire i privilegi fiscali per le società estere, ma convincerle a restare in Svizzera grazie a delle misure che siano accettate dall'Unione europea

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 giugno 2016 - 12:55

La riforma dell'imposizione delle imprese è pronta per le votazioni finali.

Dopo un lungo tira e molla il Consiglio nazionale ha eliminato le ultime due divergenze con il Consiglio degli Stati. L'obiettivo è quello di mantenere competitiva la Svizzera per le aziende estere dal punto di vista fiscale.

La sinistra lancerà il referendum. Le perdite fiscali, secondo i socialisti, arebbero troppo importanti per Confederazione, cantoni e comuni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.