La televisione svizzera per l’Italia

Diritti umani: Svizzera condannata a Strasburgo

poliziotti in assetto antisommossa
A Zurigo la giornata del 1° maggio è spesso teatro di scontri tra polizia e manifestanti. © Keystone / Ennio Leanza

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha condannato la Confederazione per un'operazione di polizia avvenuta a Zurigo il 1° maggio 2011, durante una manifestazione per la Festa dei lavoratori.

Secondo la decisione pubblicata martedì dalla CEDU, la polizia ha violato il diritto alla libertà e alla sicurezza (articolo 5 della Convenzione) di due manifestanti – all’origine del ricorso a Strasburgo – che in seguito all’accerchiamento furono arrestati e rilasciati in tarda serata dopo un approfondito controllo d’identità. La Svizzera è stata condannata a pagare a ciascuno di loro un risarcimento per torto morale di 1’000 euro e spese per 10’000 euro.

+ La Svizzera e la Corte europea dei diritti dell’Uomo

I fatti sono avvenuti durante una manifestazione non autorizzata a margine del corteo del 1° maggio di dodici anni fa nella città sulla Limmat. La giustizia zurighese e successivamente il Tribunale federale avevano giustificato le misure della polizia con i violenti disordini avvenuti durante le manifestazioni non autorizzate legate al 1° maggio degli anni precedenti. 

“Intento vessatorio” non escluso

Secondo i giudici di Strasburgo, la Svizzera non ha saputo dimostrare che per effettuare i controlli dell’identità fosse necessario procedere ai fermi. I due autori dei ricorsi avrebbero potuto dichiarare la loro identità direttamente sul posto. E in caso di dubbio, la polizia avrebbe potuto verificare i dati via radio. Per la CEDU, non si può quindi escludere che la detenzione avesse un “intento vessatorio”.

La sentenza stabilisce inoltre che prima di approntare un cordone di polizia per prevenire disordini occorrerebbe ordinare alle persone presenti di allontanarsi, cosa che non avvenne il 1° maggio 2011 a Zurigo.

In queste circostanze, i giudici di Strasburgo hanno concluso che i principi di proporzionalità e necessità che giustificano un fermo non sono stati rispettati. E che la Svizzera ha quindi violato l’articolo 5 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

“Accerchiamenti di polizia contrari alla CEDU”

La decisione di Strasburgo potrebbe avere ripercussioni anche al di là del caso di dodici anni fa. “La sentenza stabilisce che la polizia non può privare numerose persone della libertà accerchiandole durante una manifestazione”, ha dichiarato a Keystone-ATS Viktor Györffy, avvocato dei due ricorrenti.

Secondo il legale è praticamente impossibile effettuare un accerchiamento in conformità con la Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Sarebbe quindi lecito chiedersi se la strategia praticata dalla polizia, in particolare a Zurigo, sarà ancora sostenibile in futuro.

Attualità

L'attrice Mikey Madison in una scena del film "Anora"

Altri sviluppi

A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro

Questo contenuto è stato pubblicato al Al 77esimo Festival del film, il premio della giuria è andato a "Emilia Perez" di Jacques Audiard, mentre il premio speciale se lo è aggiudicato "Il seme del fico sacro", del regista dissidente Mohammad Rasoulof.

Di più A Cannes, “Anora” di Sean Baker vince la Palma d’oro
Kharkiv

Altri sviluppi

Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv

Questo contenuto è stato pubblicato al L’esercito di Mosca colpisce, con due bombe plananti, un centro commerciale della seconda città ucraina. I morti potrebbero essere decine.

Di più Nuovo pesante attacco russo su Kharkiv
Sono circa 500 le persone che hanno partecipato in maniera pacifica.

Altri sviluppi

Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa

Questo contenuto è stato pubblicato al La manifestazione si è svolta in risposta ad un servizio tv sulla vicenda di una donna violentata e picchiata nell'appartamento di un avvocato. Un caso per il quale le autorità non avrebbero agito come avrebbero dovuto.

Di più Un caso di cronaca scatena proteste contro la polizia e il Governo a Sciaffusa
Trump nel Bronx

Altri sviluppi

Trump nel Bronx per trovare sostenitori

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel distretto newyorchese, abitato soprattutto da ispanici e afroamericani, l'ex presidente ha trovato diversi sostenitori.

Di più Trump nel Bronx per trovare sostenitori

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR