Navigation

Gestione della Pandemia, Svizzera criticata dall'Oms

L'esperto dell'Oms trova assurdo che la pandemia non sia trattata come un'emergenza nazionale. © Keystone / Martial Trezzini

David Nabarro, inviato speciale dell'Oms per la lotta al Covid-19, critica apertamente la strategia della Svizzera. In considerazione della "situazione estremamente grave", le misure sono troppo blande.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 novembre 2020 - 20:44

Nella consueta conferenza stampa della task force per la lotta al coronavirus, venerdì, gli esperti elvetici si sono detti "prudentemente ottimisti" di fronte al calo di nuovi contagi pur invitando la popolazione a non abbassare la guardia perché le cifre restano comunque molto elevate.

Neanche 24 ore dopo, a ricordare la gravità della situazione ci ha pensato l'Oms. In un'intervista pubblicata sabato dalle testate di CH Media, David Nabarro,  inviato speciale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per la lotta al Covid-19 sostiene  che la Svizzera, come il resto dell'Europa, ha sprecato tempo prezioso durante l'estate.

A suo avviso, le autorità non sono riuscite ad approntare le infrastrutture necessarie, dopo aver messo sotto controllo la prima ondata. Il risultato è stata la seconda ondata. Se non si agisce ora - avverte Nabarro - all'inizio del 2021 ci sarà la terza ondata.

Secondo l'esperto dell'Oms, i Paesi dell'Asia orientale hanno dimostrato che non è opportuno allentare le misure se non si riesce a tenere sotto controllo il numero di casi, come lo erano in estate. Bisogna attendere "fino a quando i casi restano bassi". E prepararsi ad affrontare nuovi focolai.

Secondo Nabarro, la situazione nella Svizzera francese è estremamente grave, con un numero molto elevato di casi e gli ospedali obbligati ad affrontare un vero e proprio sovraccarico. È necessaria una "strategia molto più solida da parte delle autorità e dei residenti", afferma l'esperto. Bisogna assicurare un isolamento totale in caso di contagio e le autorità devono eseguire i controlli necessari

Nabarro cita ad esempio la vicenda di suoi conoscenti in Svizzera francofona, che sostengono di non sapere di chi sia la responsabilità se si ammalassero. Bisogna definire le responsabilità in modo più chiaro. "Mi sorprende che (la questione, ndr.) non venga trattata come un'emergenza nazionale", dichiara l'esperto.

Contenuto esterno


Contenuto esterno


tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI TG del 21.11.2020)


 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.