La televisione svizzera per l’Italia

Il Governo svizzero dice no all’iniziativa sulla neutralità

iniziativa sulla neutralità
L'iniziativa è stata respinta senza presentare controprogetti. Keystone / Anthony Anex

Il Consiglio federale respinge l'iniziativa "Salvaguardia della neutralità svizzera (Iniziativa sulla neutralità)" e non propone un controprogetto. Le norme e la prassi attuali hanno dimostrato la loro validità, secondo il Governo.

Scopo della proposta è inserire nella Costituzione federale un nuovo articolo (art. 54a) che mira a fissare alcuni elementi dell’attuale prassi della Svizzera in materia di neutralità e a precisarli in particolare in riferimento alle sanzioni e alla cooperazione nell’ambito della politica di sicurezza. Il testo è stato depositato presso la Cancelleria federale lo scorso 11 aprile, corredato di 129’806 firme valide.

Altri sviluppi
Buste con schede firmate a sostegno dell'iniziativa sulla neutralità.

Altri sviluppi

L’iniziativa sulla neutralità è riuscita

Questo contenuto è stato pubblicato al La proposta, avanzata dalla destra per blindare l’equidistanza a livello internazionale della Confederazione, è stata sottoscritta da 140’000 cittadini e cittadine.  

Di più L’iniziativa sulla neutralità è riuscita

Esso prevede che in futuro la neutralità della Confederazione sia sancita a livello costituzionale e sia permanente e armata. Essa vieta alla Svizzera di aderire ad alleanze militari o difensive, fatta salva una collaborazione con tali alleanze in caso di aggressione militare diretta contro il Paese o in caso di atti preparatori in vista di una simile aggressione.

+ Il dossier di SWI swissinfo.ch sulla neutralità

Niente sanzioni

Inoltre, la Confederazione non potrebbe partecipare a scontri militari tra Stati terzi né adottare misure coercitive non militari (sanzioni) nei confronti di Paesi belligeranti. Verrebbe inoltre stabilito che la Svizzera si avvale della propria neutralità nel suo ruolo di mediatrice.

Nella seduta di mercoledì, il Consiglio federale ha deciso di chiedere che l’iniziativa venga respinta senza un controprogetto e ha incaricato il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) di preparare un corrispondente messaggio all’attenzione del Parlamento.

Prassi in vigore efficace

Secondo il Governo, il testo risulta particolarmente problematico dato che considererebbe la neutralità come un concetto rigido sancito dalla Costituzione. Non consentirebbe più l’adozione di sanzioni contro Stati in guerra al di fuori delle Nazioni Unite. Limiterebbe la possibilità di cooperare con alleanze militari o difensive solo ai casi di attacchi diretti alla Svizzera. Inserire questi requisiti nella Costituzione – sottolinea l’Esecutivo – vorrebbe dire non potervi più derogare senza modifica del relativo testo.

Altri sviluppi
Opinione

Altri sviluppi

Addio neutralità (svizzera)?

Questo contenuto è stato pubblicato al L’analista Daniel Warner valuta se il rifiuto di Mosca che la Svizzera rappresenti diplomaticamente l’Ucraina in Russia segni la fine di un’epoca.

Di più Addio neutralità (svizzera)?

Per il Consiglio federale l’attuale prassi in materia di neutralità ha dimostrato la sua validità, poiché offrendo un certo grado di flessibilità può essere utilizzata in maniera ottimale come strumento per la salvaguardia degli interessi nazionali.

Garantire la flessibilità

La vigente Costituzione federale stabilisce che il Governo e l’Assemblea federale adottano provvedimenti a tutela della neutralità elvetica, ma non precisa come si esplichi tale neutralità. Ancorare la neutralità e in particolare la sua definizione e attuazione nella Costituzione limiterebbe questa flessibilità.

Per l’Esecutivo è nell’interesse del Paese aderire a sanzioni che godono di un ampio sostegno a livello internazionale, in quanto contribuiscono a mantenere un ordine mondiale pacifico e giusto. Ritiene inoltre sia nell’interesse della Svizzera anche cooperare con alleanze militari e difensive.

Attualità

La droga sequestrata dalla polizia di Berna.

Altri sviluppi

Maxi sequestro di droga a Berna

Questo contenuto è stato pubblicato al Durante retate svolte questa settimana nei cantoni di Berna e Friburgo le forze dell'ordine hanno sequestrato circa una tonnellata di hashish e marijuana e arrestato diverse persone. Le indagini sono ancora in corso.

Di più Maxi sequestro di droga a Berna
Passeggeri in attesa all'aeroporto.

Altri sviluppi

Tilt informatico, problemi anche in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Colpito soprattutto il traffico aereo a Zurigo-Kloten e il settore energetico, risparmiate invece le banche e la Borsa.

Di più Tilt informatico, problemi anche in Svizzera
Nemo all'ultima edizione dell'Eurovision Song Contest.

Altri sviluppi

L’Eurovision a Ginevra o Basilea

Questo contenuto è stato pubblicato al Scartate le candidature di Zurigo e Berna/Bienne. La sede della prossima edizione della seguitissima manifestazione canora continentale sarà decisa il prossimo mese.

Di più L’Eurovision a Ginevra o Basilea
Militari impegnati a Cevio (Valle Maggia)

Altri sviluppi

Maltempo, prorogato l’intervento dell’esercito in Ticino

Questo contenuto è stato pubblicato al L’Esercito prolunga fino al 28 luglio l’impiego di aiuto militare in caso di catastrofe in Ticino per poter concludere la costruzione del ponte a Cevio e ripristinare le strade di Val Bavona e Lavizzara.

Di più Maltempo, prorogato l’intervento dell’esercito in Ticino
Abbé Pierre

Altri sviluppi

Accuse di abusi sessuali contro l’Abbé Pierre

Questo contenuto è stato pubblicato al Sette donne, tra cui una minorenne ai tempi dei fatti contestati, sostengono di aver subito molestie sessuali, per lungo tempo, da parte del celebre presbitero francese.

Di più Accuse di abusi sessuali contro l’Abbé Pierre
Joe Biden

Altri sviluppi

Biden ha il Covid

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha contratto l'infezione ma assicura di sentirsi bene. La notizia rischia però di far aumentare la pressione per un suo possibile ritiro dalla corsa elettorale

Di più Biden ha il Covid
La presidente Viola Amherd (a destra) con alcuni partecipanti al vertice della Comunità politica europea.

Altri sviluppi

Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

Questo contenuto è stato pubblicato al Si è aperto oggi al Blenheim Palace di Woodstock, comune del sud dell'Inghilterra nei pressi di Oxford, il quarto vertice della Comunità politica europea (CPE).

Di più Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR